Witchunter: i mastini del rock tornano a caccia!

cover_back-on-the-hunt
WITCHUNTER – “Back On The Hunt”
• (2016 – Blasphemous Art Productions) • 

 

A 6 anni dall’album d’esordio, “Crystal Demons” del 2010, gli abruzzesi Witchunter rilasciano tramite l’etichetta Blasphemous Art il secondo full “Back On The Hunt” pronto ad esplodere nelle casse dei nostri stereo a tutto volume. Si parte con l’omonima intro “Back on the hunt”, strumentale d’atmosfera, poi a dare il via alle danze ecco il fast heavy metal “Lady In White”, un brano di stampo HM classico che parla, se ho ben capito, della cocaina; segue “Vulture Stalking” che ha un approccio che cattivo e duro, come se convivessero in uno stesso brano spirito epico e una vena più thrashy, simile ad alcune band statunitensi che si ponevano a metà tra l’heavy e le derive più estreme nei primi anni ‘80; “Nightmare” prosegue su questa falsariga, soprattutto per quanto riguarda la parte vocale, evocativa e possente; il rock n’ roll arriva dritto a detonare nei padiglioni auricolari degli ascoltatori col pezzo successivo “Hounds of Rock” brano dal sapore NWOBHM alto tasso di divertimento; “Midnight Sin” riporta sulle coordinate heavy metal, al contempo melodico e rude, alternando passaggi “squadrati” a-la Accept con pigiate sull’acceleratore, di stampo Raven, per dare enfasi al ritornello; “Loosing Control” è un heavy metal rock n’ roll smodato in eccesso di velocità che ti prende a calci nel didietro, deliziosamente pieno di clichés tematici e musicali, ovvero sbronze, Satanasso, odi alla musica, voce roca, riffing caldo, affilato e catchy, il tutto sostenuto da un drumming che davvero non si risparmia in intensità; “Lucifer’s Blade” ci riporta su un sentiero fatto di oscurità e durezza nei suoni e nell’interpretazione, un tempio medio vigoroso, uno dei brani più autenticamente ‘80s di questo come back discografico, con tanto di rumore di spada sguainata in chiusura. Ascoltare per credere gente. Le ultime due tracce sono rispettivamente cover dei Led Zeppelin, “Achilles Last Stand”, e dei Thin Lizzy, “Are You Ready”, che vengono riproposte fedelmente.
Al di fuori dei grandi circuiti e dei grandi nomi, questo modo di vivere e suonare metallo pesante persiste ancora nella Penisola, portato avanti senza proclami ma con assoluta dedizione alla causa e un’attitudine inscalfibile, proprio quello che ci vuole per tenere alta la bandiera del genere: “Back On The Hunt” è il classico disco con cui trascorrere il tempo in compagnia di lattine di birra e borchie ai polsi, che è ciò che a noi metalheads piace di più.

VOTO:  6,5/10

Tracklist:

  1. Back On The Hunt (intro)
  2. Lady In White
  3. Vultures Stalking
  4. Nightmare
  5. Hounds Of Rock
  6. Midnight Sin
  7. Loosing Control
  8. Lucifer’s Blade

 WITCHUNTER lineup:

  • Steve Di Leo – Vocals
  • Federico “Ace” Iustini – Lead Guitar, Back Vocals
  • Silvio “Chuck” Verdecchia – Rhythm Guitar, Bass, Back Vocals
  • Bastià “BloodOilDrinker” – Bass, Back Vocals
  • Luca Cetroni – Drums

.