TESTAMENT – I titani del thrash moderno

TESTAMENT – “Titans Of Creations”
• (2020 – Nuclear Blast) •

Il 2020 è un anno decisamente importante per la formazione thrash metal californiana: Chuck Billy e soci danno alle stampe il loro attesissimo tredicesimo album in studio, “Titans of Creation”. L’intenzione di Billy e dei nostri di dare un seguito al fortunoso “Brotherhood of the Snakedel 2017 era chiara ed ecco, quindi, arrivare a distanza di quattro anni quello che lo stesso Chuck Billy in una precedente intervista definì come “un mucchio di nuove idee”. Il disco parte subito con una marcia non indifferente tipica dei migliori Testament degli anni ’80.
“Children of the next level” è un calcio diretto sulle gengive a primo ascolto: veloce, batteria impattante, il basso di Steve DiGiorgio che, ormai, è una vera e propria garanzia… insomma, un brano che riflette pienamente lo stile della band ai suoi tempi d’oro. Il lavoro prosegue abbastanza spedito e ad un orecchio attento, si nota da subito la voglia della band di soddisfare una fetta di pubblico molto ampia. “WW III”, “Dream Deceiver”, “City Of Angels” e la stessa “Symptoms” mostrano, in effetti, come la varietà del sound sia decisamente valida e poliedrica, tanto da andar ad accontentare diversi ascoltatori, dai thrasher genuini agli headbanger, dagli amanti dell’old school a quelli più esigenti. “Titans Of Creation” si presenta come un’opera completa e moderna che non vuole lasciar nulla al caso; la seconda parte del disco è senza dubbio quella che potrebbe apparire come la meno convincente, se si esclude la già citata “Symptoms” e “Ishtars Gate”, dove la voce di Billy è meno incisiva rispetto alla prima parte, così come il resto della composizione che va dalla batteria alla chitarre. È tutto molto più semplice e poco marcato, il ritornello, purtroppo, non si presenta così tanto convincente… Il brano si salva ampiamente solo ed esclusivamente per il basso prorompente di Steve DiGiorgio, a cui forse vanno i meriti esclusivi della stesura del pezzo stesso. Il lavoro proposto dai nostri ci dimostra ancora una volta la vena realizzativa più che buona oltre che la modernità dell’album stesso, il cui obiettivo è quello di accontentare ogni tipo di udito. ‘Titans Of Creations’ è un album dalla doppia faccia che sfoggia una prima parte perfetta ed una seconda che sembra appartenere ad un altro album (salvo eccezioni, ovviamente); tuttavia, il disco è di buona assimilazione e permette un ascolto molto omogeneo fruibile, motivo per cui il giudizio del sottoscritto non può che esser più che positivo. Certo, il disco non si presenta all’altezza di album maestosi come potrebbe essere, a mio avviso, “The Legacy” ma, nel complesso, si presta comunque ad essere un prodotto molto valido.

VOTO: 7,5/10

TRACKLIST:

  1. Children Of The Next Level
  2. WWIII
  3. Dream Deceiver
  4. Night Of The Witch
  5. City Of Angels
  6. Ishtar’s Gate
  7. Symptoms
  8. False Prophet
  9. The Healers
  10. Code Of Hammurabi
  11. Curse Of Osiris
  12. Catacombs

Testament line up:

  • Chuck Billy – vocals
  • Eric Peterson – guitars
  • Alex Skolnick – guitars
  • Steve Di Giorgio – bass
  • Gene Hoglan – drums