SPARZANZA – UN NUOVO CAPITOLO


SPARZANZA – “Announcing The End”
• (2017 – Despotz Records) •

 

Con questo ultimo lavoro, gli Sparzanza vogliono aprire un “nuovo capitolo” della loro storia, che va avanti dal 1996, provando a sperimentare e mettere in gioco tutta la loro creatività per avvicinarsi a più persone possibili. Una carriera caratterizzata da un sound prevalentemente Groove e Stoner, vede ora un cambiamento verso l’Hard and Heavy con l’utilizzo di parti melodiche attribuibili all’Hard Rock, senza mai dimenticare le basi Metal che contraddistinguono la band. Un album nato e creato in un modo molto insolito e particolare che ha dato la possibilità agli Sparzanza di lavorare “senza regole” e spingersi oltre i propri limiti. Anche grazie alla scelta di una nuova etichetta, l’emergente Despotz Records, si sono sentiti liberi di sperimentare e mettersi in gioco per creare un album che riflettesse ciò che sono gli Sparzanza nel 2017. Dalla Title Track, “Announcing The End”, già si capisce il “tono” che avrà l’intero album, una sferzata di Groove con linee di basso, chitarra e batteria forti che accompagnano una voce potente. Con “Damnation” passiamo ad un sound più Heavy, sicuramente una canzone che colpisce per i suoi riff di chitarra semplici ma allo stesso tempo interessanti. Con “Whatever Come May Be” si addolciscono leggermente i toni, una semi-ballad dai suoni potenti e molto emozionante, accompagnata da un motivetto fischiato che rende il tutto più particolare. Con “Vindication”, scelta come primo singolo, troviamo un sound che richiama in alcuni punti gli Stone Sour, sicuramente una canzone di quelle che rimangono in testa anche per la facilità del ritornello. Con “The Trigger” preparatevi a ballare, una canzone che prende già dalle prime note e che farà scatenare anche i più scettici. Si abbassano i toni nuovamente con “Breathe In The Fire”, ricca di assoli importanti e di linee di basso potenti, sicuramente un brano che colpisce e spicca nell’album. “One Last Breathe” parte con un’intro di sola voce e chitarra molto affascinante, per poi crescere di potenza. Con “To The One” si cambia un po’ il tiro, certamente un riff di chitarra di quelli che rimangono impressi nella mente accompagnato dal basso, che spicca, e dalla potenza della voce. Un altro cambiamento con “The Dark Appeal”, sicuramente più forte della precedente, che ci porta in un’atmosfera più cupa con un piccolo rallentamento nel mezzo della canzone. Con “We Are Forever” non possiamo che tornare di nuovo a ballare, una canzone che prende davvero molto e che ci accompagna al gran finale con “Truth Is A Lie”, un mix di growl e clean vocals, messe in risalto da un sound potente che si conclude con uno slow down di chitarra, voce clean e pianoforte.
In conclusione un album ben fatto, un up and down di emozioni che non farà certo annoiare chi lo ascolta. Ogni membro del gruppo, dalla voce al basso, spicca a modo suo senza mai prevaricare sugli altri ma regalando un sound perfettamente combinato. Se consideriamo che il tutto è stato creato in una sola settimana, lavorando a pieno ritmo senza alcuna “regola” e mettendo in gioco tutta la creatività e la sperimentazione di ogni singolo membro della band partendo dal presupposto che ogni idea non era mai una “cattiva idea”, a mio parere il miglior modo che gli Sparzanza potessero scegliere per “iniziare un nuovo capitolo”. Consigliatissimo.

VOTO: 9/10

Tracklist:

  1. Announcing The End
  2. Damnation
  3. One Last Breath
  4. Whatever Come May Be
  5. Vindication
  6. The Dark Appeal
  7. Breathe In The Fire
  8. The Trigger
  9. To The One
  10. We Are Forever
  11. Truth Is A Lie

SPARZANZA line-Up:

  • Fredrik Weileby – Vocals
  • Calle Johannesson – Guitar
  • Magnus Eronen – Guitar
  • Anders Åberg – Drums
  • Johan Carlsson – Bass

.