SORCERER: Il coraggio di osare

SORCERER – “Reverence”
• (2021 – Metal Blade Records) •

Nel corso della propria vita, almeno una volta la maggior parte delle realtà metal si sono si sono cimentate nel riadattamento di alcuni dei brani che hanno fatto la storia della musica: molte, infatti, hanno dato sfoggio delle proprie qualità ed abilità, vuoi in un disco in studio, o addirittura in sede live, presentando una versione inedita di qualche cover.

Anche gli svedesi Sorcerer non si sono tirati indietro a questa specie di “sfida con sé stessi” e col grande pubblico: ecco, infatti, che la doom band svedese ha concluso l’anno appena passato con un capitolo inedito della propria discografia, presentando al pubblico internazionale “Reverence”, un EP di appena 4 brani che, in appena 30 minuti, omaggia alcuni dei grandissimi nomi che, da sempre, svettano in ambito heavy metal, quali Rainbow, Black Sabbath, Saxon e, ovviamente, il Mad Man per eccellenza, Ozzy Osbourne.

Effettivamente, la band non è tra le prime a mettersi alla prova con un disco composto da sole cover: basti pensare ai Metallica e al loro “Garage Days” del 1987, ai Children Of Bodom con “Skeletons In The Closet”, dove per l’occasione riproponevano persino brani di stampo pop e punk, oppure, dando un’occhiata alle uscite più recenti degli ultimi anni, agli Arch Enemy con il loro “Covered In Blood” del 2018.

L’intento della band, quindi, è quello di divertirsi nell’esecuzione di brani storici, mettendo in evidenza il proprio potenziale e di smorzare, forse, la monotonia di un periodo dove, musicalmente parlando, è tutto morto da mesi, con l’impossibilità di promuovere al meglio dischi “reali” sia online, che dal vivo… ma cosa bisognerebbe aspettarsi in generale da un disco di sole cover?

Se le iniziali premesse ci portavano a pensare che il quintetto di Stoccolma avesse potuto presentarci un platter di brani rivisitati in chiave malinconica e decadente, dalle tinte e atmosfere tipicamente “doomeggianti”, durante l’ascolto di questi 4 singoli, constatiamo, invece, una piacevole sorpresa: la band, infatti, ci mostra un lato inedito, maggiormente virato all’heavy metal – forse per rimanere in tema con i brani proposti – con un’esecuzione davvero strabiliante.

Il vocalist Anders Engberg sfoggia qui un timbro graffiante, acuto, da sempre uno dei tratti caratteristici dell’heavy metal, e, ancora una volta, ci mostra come non bisogni necessariamente essere un cantante proveniente da una determinata scena musicale per presentare un prodotto riproposto in un certo stile. In questa sede, infatti, Engberg non ha nulla da invidiare ai grandi della scena, poiché il musicista dimostra di possedere una versatilità singolare che ben si adatta al contesto.

Da evidenziare le strepitose esecuzioni di “Crusader”, omonima titletrack del celebre disco dei Saxon uscito nel lontano 1984, qui scelta come brano apripista di questo nuovo EP, e “Waiting For Darkness” (Bark at the Moon, 1983), di Ozzy.

A spiccare, come detto inizialmente, sono le linee incisive di Enberg, ma anche il lavoro svolto dagli altri musicisti gioca un ruolo importante: i musicisti, infatti, dimostrano un’incredibile competenza e, complessivamente, la band ci presenta un EP di ottima fattura, il cui desiderio di “riavvolgere” la musica dal principio si fa sempre più evidente ad ascolto terminato.

A distanza, quindi, di appena due anni dal precedente “Lamenting Of The Innocence”, la band evidenzia maggiormente la propria voglia di continuare a proporre musica, sebbene non propria in questo contesto nello specifico, e di voler proseguire con entusiasmo un percorso iniziato oltre tre decadi fa.

In sostanza, con ‘Reverence’ i Sorcerer offrono un appetitoso assaggio di brani che, perlopiù, sono conosciuti dalla maggior parte dei metalheads della vecchia scuola, con il solo intento di divertire e, forse, darsi il tempo di raccogliere nuove idee ed energie per un prossimo full length.

Questo mini EP potrebbe anche essere un ottimo espediente per avvicinare chi, magari, non ha una grande conoscenza dei Sorcerer in questione e, quindi, incentivare ad approfondire al meglio la proposta musicale di una band che ha ancora molto da dire!

VOTO: 7,5/10

TRACKLIST:

  1. Gates Of Babylon (Rainbow cover)
  2. When Death Calls (Black Sabbath cover)
  3. Crusader (Saxon cover)
  4. Waiting For Darkness (Ozzy Osbourne cover)

Sorcerer line up:

  • Anders Engberg – Vocals
  • Justin Biggs – Bass
  • Kristian Niemann – Guitars
  • Peter Hallgren – Guitars
  • Tommy Portimo – Drums