NOTHGARD – Welcome to the show


NOTHGARD – “Malady X”
• 
(2018 – Metal Blade) •

 

I Nothgard sono una band epic melodic death metal tedesca capitanata da Dom R. Cray. Il gruppo è stato fondato dal chitarrista degli Equilibrium nel 2008, a Deggendorf. Alla fine di Ottobre i Nothgard sbarcano nel roster dell’etichetta Metal Blade con il loro quinto album, masterizzato da niente di meno che Jens Bogren, il quale ha già lavorato con imponenti band quali Kreator, Dark Tranquillity, Amon Amarth e Ihsahn. “Malady X” non sancisce quindi solo il cambio di etichetta, ma permette anche di tagliare il non trascurabile traguardo del decimo anniversario della nascita della band.
Le basi per un buon album, quindi, esistono e sono anche ben salde…
L’album viene presentato con una prima track introduttiva musicale, che definirei orchestrale, e che ci permette di entrare nell’esatto ordine delle idee per ascoltare del buon melodic death metal e poterci godere l’omonima e seconda traccia dell’album. “Malady X” è proprio ciò che serve per aprire in modo ottimo la scena: il growl di Dom si unisce ad un sound quasi riconducibile al power   sempre però rimanendo nel classico stile della band e caricando di potenza la title-track, aprendo il ritornello con la frase più che attinente “Welcome to the show”. Proseguendo il percorso, il ritmo non scende di certo anche se non vi è nulla di estremamente innovativo, seppur adatto al contesto dell’album, nonostante la piuttosto energica “Epitaph”. La stupefacente e coinvolgente “Deamonium I”, forse grazie anche alla partecipazione della voce femminile di Noora Louhimo (cantante dei Battle Beast, ndr), riporta ad un livello notevole l’interesse magari un po’ calato prima e creando un intreccio melodico assolutamente ragguardevole. Procediamo con “Serpent Hollow”. Composta da taglienti e ruggenti riff dei due chitarristi, questa settima canzone offre anche spazio ad una soave melodia accompagnata dalla tastiera e allo stesso tempo ad un’ottima ed incalzante prestazione del batterista Felix, che trova sicuramente spazio per sfoggiare le proprie abilità. Il tempo rallenta leggermente con “Devil Will Know”, anche se abbastanza simile alla canzone precedente in sostanza. Senza deludere le aspettative, “Fall of an Empire” ci preannuncia efficacemente ed energicamente all’arrivo di “Herald of Death”, definibile quasi più tranquilla rispetto a quanto i Nothgard ci hanno abituato. In questa track conclusiva, possiamo trovare un “contrasto” melodico molto interessante, dove il frenetico ritmo della batteria e delle chitarre si intreccia alla sinfonia della tastiera di Dom, che va quasi ad ammorbidire il sound. Indubbiamente, “Malady X” possiede tutte le carte necessarie per potersi accaparrare un posto nella categoria epic tralasciando forse ciò che invece porta a pensare più al death. I Nothgard non hanno osato troppo e non si sono discostati tanto dal loro stile adottato nei precedenti album. Non si è potuto cogliere un evidente ed esponenziale salto qualitativo, ma nonostante ciò i tedeschi avranno una maggiore (e meritata) esposizione del proprio album grazie al cambio di etichetta. Gli ormai fedeli fan rimarranno senz’altro soddisfatti e probabilmente Metal Blade offrirà una diretta via ai fan dei Nothgard non ancora conquistati dalla band.

VOTO: 7,5/10

Tracklist:

  1. Voyage To Decay
  2. Malady X
  3. Shades Of War
  4. Guardians Of Sanity
  5. Epitaph
  6. Deamonium I
  7. Serpent Hollow
  8. Devil Will Know
  9. Fall Of An Empire
  10. Herald Of Death
  11. Black Horizon

NOTHGARD lineup:

  • Dom R. Crey – Vocals, lead guitar, studio keyboards
  • Felix Indra – Drums
  • Skaahl – Rhythm Guitars
  • Nico Kolja – Bass, backing vocals