INNERO – La caccia dei lupi


INNERO – “Chaoswolf”
• (2019 – Third I Rex Records) •

L’album d’esordio è la prima tappa di una lunga lista delle fermate appartenenti al percorso del successo di una band. Ai bolognesi INNERO, spetta anche una rampa di lancio di tutto rispetto: questo nuovissimo progetto che si sta per affacciare sulla scena black metal, vanta infatti la partecipazione di ex membri di band quali Malnatt e Bland Vargar. Gli interrogativi riguardanti questo primo CD non vertono su particolari argomenti… Se non altro, i dubbi si riducono ad un’unica domanda: riusciranno gli INNERO ad ottenere le bramate luci della ribalta, o rimarranno nell’ombra e nell’anonimato? Sette canzoni daranno vita a “ChaosWolf” e si occuperanno di rispondere ai precedenti quesiti! La traccia di apertura si presenta quasi imponendosi tramite una melodia violenta, decisa e frenetica, caratterizzata da blast beat devastanti e rapidissimi riff del tutto adatti ad una canzone black metal apripista. In “Among the Wolves”, l’atmosfera viene resa ulteriormente più cupa dalla prestazione vocale di Alces, alle quali si aggiungono e si alternano dei caratteristici e, direi, azzeccati spezzoni del testo cantato in coro. “The Shaman” ci permette di continuare il viaggio in questo oscuro cammino offertoci dai bolognesi. Nonostante questa seconda canzone abbia un ritmo ed una musicalità simile a quella precedente, essa riesce a coinvolgere perfettamente l’ascoltatore. Mentre la canzone numero uno può suscitare inquietudine, in “The Shaman” sembra prevalere la pura potenza che essa racchiude e che sprigiona in un’ulteriore performance del cantante, accompagnato chiaramente da una melodia anche qui adeguata ed affascinante melodia. “Unbowed, Unbent, Unbroken”, al primo impatto, può sembrare una canzone abbastanza fuori luogo rispetto a quanto ChaosWolf ci abbia offerto fino ad ora, a causa del suo inizio particolarmente calmo. L’apparenza, però, inganna: questa traccia è letteralmente un vero e proprio scrigno musicale tutto da scoprire. Le sonorità ed il ritmo che compongono la trama di questa canzone aumentano gradualmente, tanto da faticare ad accorgersi quando e se possa esistere il culmine di questo capolavoro, escludendo ogni parvenza di dubbio sulla versatilità e capacità degli INNERO. “Unbowed, Unbent, Unbroken” riesce ad accaparrarsi l’accostamento -già proposto dalla rivista americana Decibel Magazine- ad un sound riconducibile a quello di Hammerheart dei Bathory. “Durum in Armis Genus”, nonché quarta track dell’album, si presenta anch’essa in modo particolarmente melodico, lasciando quasi da parte la violenza espressa nelle prime due tracce ma senza distaccarsi dallo stile ormai delineato. Con leggeri e rapidi cambi di tempo, in “Alone” ritroviamo la rabbia e la collera espresse sottoforma di musica, con gli INNERO che dimostrano ancora una volta di saper stabilire la corretta relazione tra melodia e brutalità. La lunga traccia “Open Eyes” offre una struttura sonora piuttosto varia, probabilmente anche grazie ai suoi 8 minuti e mezzo di durata. Nella sesta traccia vi è parecchio spazio dedicato alle parti esclusivamente strumentali, le quali si alternano al cantato, sempre ottimo e caratteristico, di Alces. Inaspettatamente, l’album si conclude con una stupefacente ed atmosferica “Under the Moon”. La settima ed ultima traccia si apre con un ululato, seguito da un motivo musicale da pelle d’oca che rasenta la perfezione. Questa gradevolissima sorpresa permette di lasciarsi trasportare ed immergersi nel mondo nel quale gli INNERO ci hanno introdotto attraverso ChaosWolf, e consente inoltre di aprire agevolmente l’immaginazione verso tutto ciò che questa fantastica e promettente band possa offrirci nel futuro prossimo.

VOTO: 8,5/10

Tracklist:

  1. Among the Wolves
  2. The Shaman
  3. Unbowed, Unbent, Unbroken
  4. Durum in Armis Genus
  5. Alone
  6. Open Eyes
  7. Under the Moon

INNERO lineup:

  • Alces – vocals
  • Fuscus – drums
  • Arctos – guitars
  • Crassodon – bass