INNER SHRINE – Ode agli eroi di ogni tempo


INNER SHRINE – “Heroes”
• (2019, LANDS OF GLORY REC) •

 

“Heroes” è l’album numero sei per questa band “cult” toscana, nata nel 1996 e fautrice di un epic symphonic doom metal assai peculiare, e sempre in evoluzione.
Difficile trovare dei riferimenti musicali esterni se non in nei My Dying Bride più gotici e romantici e negli svedesi Arcana (tra musica medioevale e visioni apocalittiche, “The Last Embrace” del 2000 su tutti).
Ogni album di questo ensemble ha caratteristiche diverse, dal gothic metal, all’uso della voce di una soprano femminile (tra i primi ad avere questa intuizione), a testi in latino oltre che in inglese ed un album praticamente di musica classica (Mediceo del 2010, incentrato su Firenze, il Rinascimento e la famiglia Medici), al cupo death/doom futuristico di “Pulsar” (2013), ultimo lavoro precedente a “Heroes”.
E questa ultima fatica è nuovamente differenze e più soffusa e meditativa rispetto al suo predecessore, anche se rimane in un ambito squisitamente metallico. Basterebbe ascoltare la breve “Akhai”, dove la voce sussurrata di Luca Liotti guida una danza onirica e spettrale che evolve nell’elegia di “Ode Of Heroes”, in cui una batteria battente viene squarciata da chitarre dolenti e voci angeliche in una costante ricerca di una grande epicità. I sette minuti di “Doom” fanno fede al titolo, con sonorità crepuscolari tra metal e musica sinfonica, a creare uno stile nuovo e sorprendente. Se “Gaugamela” è ancora ricca di poesia e decadente emozione, “Sakura” rinnova il patto con l’ascoltatore attento, grazie a linee di chitarra di fortissima suggestione. Il percorso si conclude con la versione metal di “Cum Gloria” (precedentemente contenuta in Mediceo), unico pezzo veloce e cantato da una voce operistica femminile, che risulta un po’ scontata e fuori posto. “Heroes” rimane però un lavoro intenso, di difficile ascolto ma estremamente originale e suggestivo.
Non per tutti ma dedicato a chi cerca epicità ed emozioni forti.

VOTO: 8/10

Tracklist:

  1. Domum
  2. Akhai
  3. Ode Of Heroes
  4. Doom
  5. Firebringer
  6. Gaugamela
  7. Sakura
  8. Cum Gloria Remixed

Inner Shrine line up:

  • Luca Liotti – Guitars, Vocals, Synth
  • Leonardo Moretti – Bass