Anno Domini 2018 – le classifiche della redazione: Paolo Fagioli D’Antona

Ecco qui la lista dei miei dischi metal preferiti usciti nel 2018. La grande sorpresa per me è stato il nuovo disco dei Mayan progetto di Mark Jansen (Epica) che è riuscito a tirare fuori dopo i primi due album per il sottoscritto non indimenticabili un full-length di altissimo livello curato in ogni minimo particolare. Da segnalare la presenza degli stessi Epica con un EP che è uscito l’anno scorso ma solamente per il mercato giapponese; in Europa è stato rilasciato solo quest’anno ed è per questo motivo l’ho inserito nella lista. Impossibile non citare l’unico live presente in questa lista ovvero quello degli Ayreon, registrato in occasione del primo vero e proprio concerto del super-gruppo di Arjen Lucassen a Tilburg l’anno scorso. Per il resto grande ritorno dei Judas Priest con Firepower, e nonostante lo shift stilistico, anche dei NorvegesiDimmu Borgir che grazie a Eonian mi hanno saputo riconquistare nonostante lo scetticismo iniziale. Buona prova anche degli Immortal nonostante l’assenza di Abbath. Per il resto quest’anno è stato una grande annata per gli amanti del progressive grazie agli ottimi lavori di Haken, Seventh Wonder e Orphaned Land. Speriamo che l’anno prossimo sia altrettanto valido in campo musicale ma d’altrondecon gli album di Draconian, Fleshgod Apocalypse, Jinjer, Ancient Bards , Avantasia e Within Temptation in prossima uscita non posso che essere ottimista!

  1. Mayan – Dhyana
  2. Ayreon – Ayreon Universe: Best Of Ayreon Live
  3. Epica – Epica vs. Attack Of The Titans
  4. Haken – Vector
  5. Seventh Wonder – Tiara
  6. Orphaned Land – Unsung Prophets And Dead Messiahs
  7. Amaranthe – Helix
  8. Dimmu Borgir – Eonian
  9. Judas Priest – Firepower
  10. Immortal – Northern Chaos Gods