Anno Domini 2018 – le classifiche della redazione: Maryka Arcadu

E’ stato un anno certamente variopinto e multisfaccettato quello appena trascorso. Nel corso dei suoi 12 mesi, il 2018 ha regalato alcune perle esorbitanti che, da subito, hanno fatto pienamente centro, come le nuove uscite di Aborted, Cryptopsy e Benighted, ma anche visto il ritorno sulle scene dopo sette anni di assenza dei grandissimi maestri norvegesi Dimmu Borgir, reduci ora da un intenso tour che li ha visti condividere il palcoscenico con Kreator, BloodBath e Hatebreed, senza disdegnare la potente presenza dei Death SS e dei Soulfly, altri veri protagonisti di quest’ultimo anno musicale. Di seguito la mia personalissima classifica.

Gli album qui sotto elencati non seguono un ordine preciso. Buon ascolto!

  • Aborted – “Terrorvision”
  • Benighted – “Dogs Always Bite…”
  • The Last Band – “Hisingen”
  • Cryptopsy – “The Tome Of Suffering – Part II”
  • Doro – “Forever United, Forever Warriors”
  • Dimmu Borgir – “Eonian”
  • Soulfly – “Ritual”
  • Iblis – “Adveniant Regnum Tuum”
  • Death SS – “Rock n Roll Armageddon”
  • Rain – “Dad Is Dead (Ristampa)”