Alter Bridge: in cerca di eroi

Cover1 copy
ALTER BRIDGE – “The Last Hero”
• (2016 – Napalm Records) •

 

A distanza di tre anni dall’ultimo lavoro in studio, gli Alter Bridge tornano prepotentemente in pista con “The Last Hero”, un album caratterizzato da un filo conduttore lirico incentrato sulla ricerca e la necessità di eroi in un mondo sempre più complesso. Qualcosina del nuovo lavoro di Tremonti e compagni si era già ascoltato nelle scorse settimane con i due lyric videos di “Show Me A Leader” e “My Champion”, ed è proprio con la prima delle due canzoni poc’anzi citate che si apre il full lenght, un brano da un ritornello vincente, una ritmica schiacciasassi e una produzione, come al solito per gli Alter Bridge di livello stellare, curata da Michael Baskette (Slash, Tremonti, Trivium…) al missaggio e dal pluripremiato Ted Jensen al mastering. Nonostante non sia il primo fan di Myles Kennedy, devo riconoscere la bontà delle sue parti vocali su questa devastante opening track e come vedremo in seguito in generale su tutto il lavoro.
Si prosegue con “The Writing On The Wall” e “The Other Side”, due brani più oscuri e cadenzati, in special modo la seconda, sostenuta da delle cattivissime drop guitars e da una melodia dal sapore esotico, sulle orme degli Alice In Chains di “Dirt”. Ovviamente non mancano episodi più rilassati ed easy listening come la successiva (e già scitata) “My Champion”, brano struggente dal ritornello multiplatino e un testo particolarmente riuscito, che esorta ad affrontare a testa alta le difficoltà della vita.
“Poison In Your Veins” ci riporta su territori più heavy, con le chitarre dell’accoppiata Tremonti/Kennedy estremamente efficaci e un solo di altissimo livello per fraseggio e gusto.
Con il passare dei minuti mi rendo effettivamente conto che, forse a causa della mia diffidenza verso il cantato di Myles Kennedy, ho sempre trattato con troppa sufficienza questa band, della quale riconoscevo solo il grande talento di Tremonti alla sei corde, snobbando l’aspetto compositivo, e benché anche ora Kennedy non rientri nel novero dei miei cantanti favoriti, devo ammettere che su questo disco fa il suo sporco dovere in maniera egregia.
Tornando ai brani si prosegue con un altro mid tempo oscuro, “Cradle To The Grave”, sesto brano, sesto ritornello azzeccato, sulla falsa riga della track numero tre: “The Other Side”.
E forse la forza maggiore del combo americano su questo “The Last Hero” è proprio questa: dei grandi ritornelli piazzati in maniera giusta in un disco dalle tinte comunque molto oscure.
“Long Patience” mantiene intaccati gli standard elevati riscontrati finora, “This Side Of Fate” aggiunge un tocco di epicità, che si sviluppa con un imprevedibile sezione del brano che porta alla mente un certo tipo di sonorità in stile “Muse”, per approdare a uno dei migliori assoli di Mark Tremonti su questo disco.
Altro pezzo da novanta si rivela essere “You Will Be Remebered”, dai toni più musicali rilassati e corredato da un testo che come dichiarato da Myles Kennedy: “…è un tributo a tutti coloro che servono il nostro paese o la nostra comunità…”.
Con “Crows OF A Wire” si veleggia verso lidi più oscuri e heavy, ma tutto sommato il brano in questione non aggiunge molto, rivelandosi non particolarmente brillante. Stesso discorso per la più melodica “Twilight”, dotata di un’eccellente sezione centrale, ma che denota qualche calo compositivo nelle strofe e nel ritornello portante.
Su buoni livelli invece “Island Of Fools” che sfodera un altro validissimo chorus alternato a melodie dal sapore “arabegiante”. Troviamo quindi in coda la title track del lavoro, che si assesta tra i migliori brani del lotto, corredata da delle ottime “twin guitars”.
Tirando le somme con il loro quinto lavoro in studio gli Alter Bridge si presentano in un ottimo stato di forma, regalandoci un prodotto di livello, che forse ha nella sua durata (tredici brani piuttosto lunghi) il suo unico punto debole. A mio giudizio escludendo un paio di filler sarebbe stato un top album, rimarco comunque il fatto che ci troviamo di fronte a un lavoro di pregevole fattura.

VOTO: 8/10

Tracklist: 

  1. Show Me A Leader
  2. The Writing On The Wall
  3. The Other Side
  4. My Champion
  5. Poison In Your Veins
  6. Cradle To The Grave
  7. Long Patience
  8. This Side Of Fate
  9. You Will Be Remembered
  10. Crows Of A Wire
  11. Twilight
  12. Island Of Fools
  13. The Last Hero

ALTER BRIDGE lineup:

  • Myles Kennedy – Vocals, Guitar
  • Mark Tremonti – Guitar, Vocals
  • Brian Marshall – Bass
  • Scott Philips – Drums

.