ALCEST – Il tormento dell’anima


Alcest – “Spiritual Instinct”
• (2019 – Nuclear Blast) •

Capita non poche volte di essere alla ricerca di melodie e atmosfere che rimandino alla parte più cupa, istintiva ed enigmatica della nostra anima. In questo, il duo francese composto da Neige e Winterhalter è sempre stato molto bravo e in “Spiritual Instinct”, come vedremo, lo è stato ancora di più.
A distanza di tre anni dal grandissimo successo ottenuto con la pubblicazione dell’eccellente “Kodama”, gli Alcest sono pronti a mostrarci il loro nuovo lavoro. Con una copertina davvero molto semplice ma comunque di forte impatto visivo, realizzata dal progetto francese Førtifem, il duo francese ci introduce a questo viaggio alla scoperta della misteriosa indole bestiale nascosta in ognuno di noi. Ad accoglierci una silenziosa ed autoritaria sfinge che, a detta dei nostri, vuole proprio rappresentare l’enigma e l’inconscio.
Musicalmente “Spiritual Instinct” si presenta come un album duro, cupo e introspettivo,capace sì di tormentare l’ascoltatore, ma anche di donargli uno strano senso di quiete e serenità interiore.
L’intero album è permeato di un’atmosfera alquanto oscura. Secondo quanto affermato da Neige in varie interviste promozionali precedenti all’uscita dell’album, i testi dei brani presenti in questo full-length hanno un forte significato. Il cantante e polistrumentista ha affermato di aver compiuto una sorta di viaggio nel suo inconscio, studiando la propria spiritualità. Ovviamente, la musica e le melodie composte accompagnano queste lyrics in maniera sublime, riproponendo ogni singolo verso, ogni singola parola e ogni singolo concetto in chiave musicale. Da qui è facile notare come ci siano vari cambi di sound all’interno dell’album, proprio a voler rappresentare la continua inquietudine che caratterizza l’animo umano. Dalle soavi armonie ai crudi scream in stile Black Metal, dai cori angelici ai potenti riff di chitarra accompagnati da una batteria impetuosa e martellante.
L’ascoltatore si ritroverà completamente immerso in un mondo familiare, che subito riconoscerà, imparando a sua volta a conoscere e comprendere il proprio spirito e la propria indole. È proprio questo l’intento principale degli Alcest, una band tanto capace quanto difficile da capire, ma che sa sicuramente donare all’ascoltatore emozioni uniche e vigorose.

VOTO: 7,5/10

Tracklist:

  1. Les Jardins De Midnuit
  2. Protection
  3. Sapphire
  4. L’Ie Des Morts
  5. Le Miroir
  6. Spiritual Instinct

ALCEST line-up:

  • Neige – Vocals, Guitars, Bass, Synths
  • Winterhalter – Drums