AFIRE – Introspezione a tutto tondo


AFIRE 
– “On the Road to Nowhere”
• (2018, Concorde Music Records) •

 

Debutto decisamente interessante quello dei melodic hard rockers Afire: “On the Road from Nowhere” è un disco che non lascia spazio per giri di parole, dove, infatti, è possibile ascoltare dieci brani spiccatamente energici, cupi ed introspettivi. Il primo lavoro ad opera dei finlandesi è sicuramente molto diretto e “grintoso” e lo si può percepire sin dall’opening track “The One to Take the Fall”, un brano sicuramente azzeccato che ci introduce in modo determinato in un contesto ritmico peculiare, in cui la chitarra appare da subito come una grande protagonista. In generale l’inizio di ogni traccia è dato da una parte significativa di chitarra, la cui esecuzione è molto ben studiata e continua a distinguersi fino alla fine, stabilendo la tipologia di carattere che viene data al brano stesso. “Not Coming Home” e “Let Me Be the One”, si sposano molto bene e rimandano perfettamente al primo brano in quanto a ritmica e grinta, mentre qualcosa di inaspettato si presenta man mano che l’ascolto procede: prestando attenzione con un orecchio molto attento, sembra, infatti, che prenda spazio un dialogo maggiormente interiore e quasi melanconico e lo si può percepire ascoltando accuratamente i pezzi “Nowherefound” e “Tired Of Being Broken”, i quali danno quasi un senso di malinconica pace e di distensione degli spazi. La ritmica cambia radicalmente e la chitarra cambia modalità di esecuzione, pur continuando a comunicare in modo abbastanza incisivo. Con “Veiling the Tears”, il platter riacquista forza e sembra riprendersi dal cambio precedente con “Shining Through”, “Rotten to the Core” e “Strangers Again”. Conclusione affidata a “Forevermore” che sembra distaccarsi da tutti i brani precedenti e dare una chiusura molto oscura e misteriosa, difficilmente decifrabile. In generale, il disco prende di petto le tematiche affrontate, ma si alterna in momenti di pura riflessione, come dimostrato nel brano finale, il quale lascia l’ascoltatore in sospeso, interfacciandolo ad un finale aperto, portandolo a chiedersi: “E’ un messaggio di speranza o non è così?”. La scelta si rivela decisamente un grande colpo di scena e fornisce un’interpretazione molto libera, in quanto il mood generale di “On The Road From Nowhere” sembra adattarsi sì alle circostanze, ma allo stesso tempo permette di soffermarcisi in modo molto deciso. A questo punto a decidere il finale sarà l’ascoltatore. Cosa farebbe ognuno di noi? “On the Road from Nowhere” è una produzione ben fatta nei minimi particolari e piuttosto originale, l’ascolto è sicuramente piacevole e richiede il contributo dell’ascoltatore, quasi per voler proporre situazioni e chiederne la soluzione, stabilendo così un dialogo astratto. Gli Afire non hanno altro da fare se non continuare sul percorso intrapreso.

VOTO: 7/10

Tracklist:

  1. The One To Take The Fall
  2. Not Coming Home
  3. Let Me Be The One
  4. NowhereFound
  5. Tired Of Being Broken
  6. Veiling The Tears
  7. Shining Through
  8. Rotten To The Core
  9. Strangers Again
  10. Forevermore

AFIRE line-up:

  • Suvi Hiltunen – Vocals
  • Antti Leiviskä – Guitar
  • Sami Kukkohovi – Guitar
  • Harri Halonen – Bass
  • Tarmo Kanerva – Drums