Ufomammut “8”: release party & Malleus exhibition

UFOMAMMUT
live @ Santeria Social Club, Milano (MI)
– venerdì 22 settembre 2017 –

 

LIVE REPORT •

A distanza di due anni dal precedente “Ecate” e dopo numerosi show  sul suolo italico e all’estero, tornano gli Ufomammut con un nuovo disco, che viene presentato al pubblico nella sua veste live proprio in quest’occasione.
Come da loro tradizione, la commistioni tra suono, visual e arte è unica e la serata si preannuncia come ben più di un semplice concerto.
Lo spazio polivalente del Santeria Social Club ospita infatti nono solo il palco nella sua sala live, ma anche una stupenda esibizione del collettivo Malleus che da sempre cura la parte artistica visiva degli Ufomammut, oltre a lavorare per molte altre band.

Ufomammut
Nella sala live il palco ospita la famosa backline degli Ufomammut, con i loro monolitici amplificatori Matamp Green marchio di fabbrica di un suono ormai conosciuto in tutto il mondo. Dopo pochi minuti e perfettamente in orario inizia il primo set, incentrato su brani presi dagli album precedenti.
Basta poco per il trio piemontese a riempire l’aria di frequenze basse e profonde che sembrano venire da un altro pianeta. I suoni psichedelici accompagnati dalle proiezioni dei filmati di Malleus che si riversano sul palco non fanno altro che aumentare il senso di alienazione e viaggio verso l’ignoto. Dopo una breve pausa la band riprende a suonare quasi in maniera rituale, questa volta per proporre i brani tratti dal nuovo album. La cattiveria di questo nuovo lavoro è evidente e la violenza con cui viene suonato la esalta; sul palco, pur essendo solo in tre, gli Ufomammut hanno una presenza enorme, tanto ingombrante quanto il loro suono che non lascia speranza di riprendere fiato neanche per un momento. L’acustica del Santeria è molto buona e aiuta la comprensibilità, anche se i suoni sono già eccellenti di loro e l’amalgama non manca. Il concept del nuovo album “8” viene reso magistralmente live, dove ogni traccia s’intreccia con la precedente e la successiva senza nessuna pausa; il pubblico è numeroso e riempie la sala, partecipando e incitando il trio a dovere.
Il set scorre veloce e in meno tempo di quanto sembri giunge alla fine; gli Ufomammut salutano, stringono le mani alle prime file e scendono dal palco.
Nel complesso un release party perfettamente riuscito, un’esibizione particolare e unica ed un’organizzazione ottima. In un periodo in cui gli spazi dal vivo diminuiscono, specialmente per band che propongono generi sperimentali e tutt’altro che mainstream è bello vedere che c’è ancora chi riesce a stupire nonostante tutto.

Setlist:

  1. Babel
  2. Warsheep
  3. Zodiac
  4. Fatum
  5. Prismaze
  6. Core
  7. Wombdemonium
  8. Psyrcle

UFOMAMMUT lineup:

  • Poia – Guitars and fx;
  • Urlo– Bass, vocals, FX and synths
  • Vita– Drums
{{title}} {{title}}

 

foto: Federica Borroni