THE LAST BAND – il party infinito

THE LAST BAND + LIFERS + ARMS LIKE ANCHORS
live @ Legend Club, Milano
– venerdì 14 dicembre 2018 –

 

LIVE REPORT •

L’amore per il nostro Paese (oltre che per il nostro vino e cibo), ha riportato al Legend Club di Milano i The Last Band. Il combo svedese è in tour promozionale per il loro ultimo lavoro “Hisingen” e si presenta nel nostro Paese dopo pochi mesi dell’ultima apparizione a maggio. Questa serata all’insegna dell’hardcore vecchia scuola, organizzata in collaborazione con School Of Rock, ha nuovamente unito gente di svariate fasce di età, ma, soprattutto, ha ricordato ai milanesi, cosa voglia dire fare festa sul serio e nel modo più sfrenato possibile.

Arms Like Anchors
Il pubblico, per la verità non ancora troppo numeroso, è puntualmente presente già alle ore 20, orario previsto per l’apertura dei cancelli, ma, per alcuni problemi tecnici lo show dei milanesi Arms Like Anchors, a cui è affidato il compito di aprire la serata, subisce un lieve ritardo con conseguente penalizzazione alla loro setlist. Nonostante le poche presenze, gli Arms Like Anchors colpiscono diretti come un pugno nello stomaco: l’energia di questa band non passa inosservata e, senza sosta, regalano un’ora di pura adrenalina. Tra un pezzo e l’altro il cantante Matt non manca di incitare la sala invitando i presenti ad avvicinarsi sotto transenna per condividere insieme le emozioni di una serata speciale (tra l’altro dedicata al bimbo del loro ex-bassista) che li vede protagonisti insieme ad altre due strepitose band. Qualcuno sostiene che il metal stia morendo: in realtà è ancora vivo e vegeto e il live di questa band ne è stata la prova evidente. I cinque ragazzi hanno ancora tanta strada da fare, ma, visto quello che hanno dimostrato stasera, sicuramente la loro sarà una continua ascesa: non è facile trovare, in questo genere, un gruppo che tiene botta sul palco come loro.

ARMS LIKE ANCHORS lineup:

  • Matt Massa – Vocals
  • Stefano Denti – Guitar
  • Davide Fazio – Bass
  • Andre Tj – Guitar
  • Simone Crimi – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Ilaria Degl’Innocenti

_____________________________________

Lifers
Giusto una breve sosta per il cambio palco (e finalmente qualche persona in più inizia ad arrivare) ed è la volta dei vigevanesi Lifers. Questa serata per loro ha un retrogusto un po’ amaro, Lion annuncia con dispiacere, prima di cominciare, che la band prenderà una lunga pausa prima di decidere il proprio futuro (sono attivi da cinque anni con vari cambi di line up). La vita on the road, è la costante per questi ragazzoni (Lion è membro di uno dei più famosi MC Club e chi frequenta l’ambiente biker come la sottoscritta, sicuramente avrà ben presente quale), che, nelle loro canzoni hanno descritto alla perfezione quello che “l’italiano medio” ha paura di affrontare perché schiavo di stupidi schemi mentali e non ha il coraggio di essere libero. Presentano il loro unico full lenght, scaricabile gratuitamente sul loro bandcamp e uscito nel 2015 (mi auguro che in futuro ce ne possa essere un secondo), che dal vivo è una botta in piena faccia. L’energia che Lion riesce a trasmettere ai presenti, è veramente senza pari. Una dedica in particolare mi ha colpita, ed è quella appunto su “SYL 417” per il suo club MC di appartenenza. Molti dei presenti (a parte chi accompagnava la band) non hanno mai frequentato l’ambiente biker (la sottoscritta frequenta da quasi 8 anni l’ambiente da “zavorrina” e free biker ndr) e non hanno colto probabilmente il reale significato di quel brano, che lega indissolubilmente come un patto di sangue Lion al suo club. Un’ora che, data l’adrenalina ricevuta, è sembrata molto più breve. Una cosa è certa: se mai decidessero di non interrompere la loro carriera (cosa che mi auguro davvero con tutto il cuore), questa pausa gli servirà sicuramente per tornare sul palco più cazzuti che mai! Respect!

Setlist:

  1. Destroy To Rebuild
  2. To My Brothers
  3. This Is The Final Solution
  4. Thunder
  5. But We Can Change
  6. Lifers
  7. Grandma
  8. Colpire Duro
  9. SYL 417
  10. Brake Your Chains
  11. A Letter From Your Dog
  12. My Revenge

LIFERS lineup: 

  • Lion Matteo – Vocals
  • Riccardo Sacchi – Bass and vocals
  • Luca Torti – Guitar and vocals
  • Francesco Marrone – Guitar
  • Alessandro Grotta – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Ilaria Degl’Innocenti

_____________________________________

The Last Band
Non paghi dello scorso live al Legend Club, fanno ritorno gli svedesi The Last Band. Freschi di pubblicazione del loro meraviglioso ed adrenalinico “Hisingen2 (assente stavolta la loro caratteristica scenografia), promettono di radere al suolo il locale. Spettacolo nello spettacolo: Chris Blood non perde tempo per far capire al pubblico che con loro non si scherza, una volta iniziato il live non si può non essere coinvolti nel loro party! La setlist comprende gran parte del loro ultimo lavoro sacrificando purtroppo pezzi dei loro precedenti album, che da sempre hanno caratterizzato i loro live. È sempre un vero piacere sentirli parlare in italiano (ormai “viva la figa” è diventato il loro motto ufficiale per il loro sbarco su suolo italico), tant’è che sia Chris che Pumpkin, danno saggio di un italiano veramente perfetto (imparano velocemente e chissà che al prossimo live non riusciamo ad insegnargli qualche cosa d’altro), anche solo pronunciando qualche parola. L’alchimia tra questi vichinghi è sempre più forte, così come la loro voglia di far festa insieme ai loro sostenitori. Nonostante questa volta per loro il locale fosse semi deserto rispetto allo scorso live, hanno saputo riscaldare a dovere la gelida serata Milanese, tra una canzone e qualche bicchiere di birra. Non ci sono vie di mezzo, o li si ama o li si odia e decisamente non si può non amarli, a dispetto della fama di popolo gelido, i ragazzoni di Göteborg regalano davvero tanto affetto ai loro supporters italiani, dando prova del fatto che ogni loro performance è sempre migliore della precedente non risparmiando mai le loro energie. Come la miglior dose di droga mai presa al mondo. Lasciano il locale ancora carichi di adrenalina e con la promessa di tornare prestissimo a trovarci. Tack så mycket!

Setlist: 

  1. The Hunt
  2. White Powder
  3. Cleaning House
  4. 6/7
  5. Lights Out
  6. The Hunt pt II
  7. So What
  8. They Say
  9. Hisingen
  10. Still In It For The Drugs
  11. I Got No Friends
  12. Muscle & Blood

THE LAST BAND lineup:

  • Chris Blood – Vocals
  • Alex Frid – Guitar
  • Fredrik Eriksson – Guitar
  • Axel Karlsson – Drums
  • Dennis “Pumpkin” Andersson – Bass
{{title}} {{title}}

foto: Ilaria Degl’Innocenti