RomeTal III: il New Rockness si tinge di death, brutal e grindcore

LUNARSEA + SUMERA + ESCATOLOGY + HELLUCINATION +  HECATE + AMRAAM
live @ New Rockness, Genzano di Roma (Roma)
– venerdì 4 settembre 2015 –

 

LIVE REPORT DAY 1 •

Venerdì 4 settembre si apre il sipario sulla terza edizione del RomeTal, quest’anno di scena presso il New Rockness di Genzano di Roma. I riflettori, come gli altri anni, sono puntati sul vasto e folto panorama underground musicale, in una kermesse presentata da Stirred Zone. Si sono alternate sul palco sei band, in un tuffo nei meandri del death, del groove, del brutal, del nu metal: Amraam, Hecate, Hellucination, Escatology, Sumera, Lunarsea.

Amraam
La band propone una setlist variegata, con un inizio in punta di piedi, per poi evolversi, in venti minuti di musica incentrata verso il death più tradizionale, con giri di basso e batteria. “The Savior” è la prima canzone che viene interpretata con piglio aggressivo, come “Bassara”, ma in generale restano sempre ancorati alla vecchia scuola. “Rise” invece è una melodia che convince di più rispetto a tutte le altre del repertorio, in cui il ritmo varia in una digressione più moderna. Attivi dal 2011 e due Ep all’attivo, ancora devono fare passi in avanti per potersi districare nel mondo della musica e dei locali.

Setist: ”The Savior” – ”Bassara” – ”Taken” – ”Rise’ – ”The Groove”- ”Escape Or Die”

AMRAAM lineup:
Fabio De Santis – Vocals, Guitar
Luca Bottazzi – Bass
Alessandro Costantini – Guitar
Daniele Conflitti – Drums
————————————————————

Hecate
Sono istintivi, perché propongono sonorità massicce, ruvide, con un ritmo che dall’inizio alla fine non cambia, da vero pogo. I testi sono interessanti, scritti in italiano, raffiguranti in chiave ‘brutal’ alcuni aspetti della vita quotidiana. Le influenze della band sono molteplici, dal grindcore al death metal. Il loro primo Ep si intitola “Ultima Specie”, in seno alla Revalve Records. Per il Rometal presentano sette brani, tra cui un inedito e una cover dei Brujeria, per un insieme armonico di rabbia, rumore, grinta. E’ un buon inizio, gli Hecate hanno le carte giuste per continuare.

Setlist: ”Senza Pietà” – ”Raza Odiada” – ”Zozzi Eroi” – ”Ultima Specie” – ”Indignati” – ”Il Buio” – ”Ombre” – ”Colas De Rata” (cover Brujeria)

HECATE lineup:
Anti Christian – Vocals
Eliano Zomparelli – Guitar
Marco Nalli – Drums
Ivan Noce – Bass
————————————————————

Hellucination
Si cambia ritmo con gli Hellucination, band di Roma che si è formata nel 2010. Hanno presentato una setlist in chiave grindcore piuttosto classico. Cinque brani che si mantengono sempre sulla stessa lunghezza d’onda durante tutto il live, tranne per “Silenced” e “Undead”, che spiccano rispetto agli altri per tecnica e arrangiamenti. Sono ancora agli inizi, perché per un buon live ci vuole più coinvolgimento verso il pubblico, oltre alla tecnica, ancora acerba.

Setlist: ”Kill it” – ”Exile The Deviant” – ”Silenced” – ”Sheperd Of Vileness” – ”Undead”

HELLUCINATION lineup:
Francesco Xella – Vocals, Guitar
Lorenzo Sicuro – Guitar
Simone Baglioni – Bass
Andrea Scimò – Drums
————————————————————

Escatology
Sicuri di sé, tecnica perfetta, approccio con il pubblico da professionisti. Gli spettatori si sono avvicinati al palco creando un vero e proprio pogo, come quelli che si vedevano durante i concerti rock degli anni ’70. Carica, carisma, adrenalina, grazie alla voce duttile, ampia di Luis Maggio, capace di elaborare una vasta gamma di tonalità, anche contrastanti tra loro, diluite nei brani. Nuove sperimentazioni che si dipanano tra il nu metal e il tradizionale: un insieme compatto, con testi in inglese che decantano alcuni malumori della società. La band di Pomezia ha prospettive ampie, che potrebbero portare ad estendere il range dei fan e far conoscere la band anche fuori dai confini nazionali.

Setlist: ”The Four Seals” – ”Scraps Of Society” – ”We Must Give Back Wasted Time” – ”The Divine Weapon” – ”Blasphemous God Head”

ESCATOLOGY lineup:
Luis Maggio – Vocals
Giovanni Toto – Guitar
Giuseppe Ciurleo – Guitar
Mirko ”Bomber” Bernoni – Bass
Cesar Augusto Carvalho – Drums
————————————————————

Sumera
I Sumera sono molto selettivi con i testi, con storie nefasto-ironiche. E’ un grindcore hardcore che spazia, abbastanza, dirottato di più verso il moderno e sufficientemente distaccato dalla vecchia scuola. Una scaletta che ha compreso le fasi essenziali del loro repertorio, specialmente dall’Ep con l’omonimo titolo. Buon impatto, ma ancora da correggere la presenza scenica di fronte al pubblico.

Setlist: ”Funeral Medley” – ”Golgotha Channel” – ”Mummy Unbandager” – ”Ratzinger Jugend VS Wojtyla Zombie” – ”Shitsurfing” – ”Gored By Buffalo”

SUMERA lineup:
Marco Del Bufalo – Vocals
Cristiano Del Bufalo – Guitar
Christian Calzona – Bass
Demian Campora – Drums
————————————————————

Lunarsea
Sono insieme dal 2003, suonano una musica più death metal classico rispetto alle band che li hanno preceduti sul palco del New Rockness. I Lunasea hanno proposto una selist che rappresenta a grandi linee il loro modo di fare musica, più raffinato rispetto alle band che si sono esibite prima di loro. Impattano immediatamente con una canzone a tutto ritmo, per poi dirottarsi verso sonorità più ampie. L’esperienza conta, manca un pizzico in più di originalità.

Setlist: ”Intro” – ”Ianus” – ”3 Pieces Of Mosaic” – ”Sonic Depth Finder”- ”Five Side Platform Shape” – ”In A Firmness Loop Day” – ”Ashen” – ”The Apostate” – ”As Sea Weed”

LUNARSEA lineup:
Alessandro Iacobellis – Vocals
Fabiano Romagnoli – All Guitars & Synth
Emiliano Pacioni – Guitars
Cristian Antolini – Bass & Vocals
Alfonso Corace – Drums

Un evento che apre uno spiraglio verso il sociale, poiché l’incasso degli shot a due euro è stato devoluto in benficenza a favore di Leonardo, bambino affetto da un grave tumore alle ossa. I fondi raccolti contribuiranno a farlo volare oltreoceano per il trapianto alle vertebre. Musica, divertimento, amicizia, solidarietà, collaborazione tra band. E’ questo, lo spirito vero che si respira al RomeTal. Chapeau.

report Ilaria Del’Innocenti
foto Andrea Stevoli
https://www.facebook.com/Andrea-Stevoli-158301587847720/?fref=ts