KISSIN DYNAMITE – la miccia è accesa al Legend Club!

KISSIN’ DYNAMITE + LOVE MACHINE
live @ Legend Club, Milano
– giovedì 5 dicembre 2019 –

 

 

LIVE REPORT • 

Dopo esser stati costretti ad annullare la data italiana de “Europe in Ecstasy Tour” per problemi di management la scorsa primavera, i tedeschi Kissin’ Dynamite tornano in Italia più esplosivi che mai per chiudere in bellezza un anno di concerti. Il Legend Club di Milano è pronto ad accoglierli in questa unica data italiana organizzata da Eagle Booking.
Noi di Metalforce siamo andati a dare un’occhiata. Buona lettura!

 

LOVE MACHINE
In apertura ci sono i nostrani Love Machine che, come scherzosamente suggerito da loro stessi, basta guardarli per capire che ne hanno viste di primavere e di notti rock n roll. Un combo ben assortito sul palco e che ha mantenuto l’entusiasmo vivace da band giovincella attraverso gli anni. In scaletta tutti brani originali dal sapore anni ‘80, pezzi briosi e a tratti nostalgici. Tra tutti spicca “In the Night”, che attira gli avventori della serata dal bar del Legend Club al palco. Cori e riff spavaldi riscaldano l’atmosfera, eccitando i presenti per gli attesi Kissin’ Dynamite. La canzone “Anyway” chiude questa performance convincente e divertente, che ha mostrato ancora una volta che il rock n roll vecchio stampo vince sempre.

Setlist: 

  1. Heading for a Heartbreak
  2. Let’s geti t Rock
  3. Waitin’ in a closet
  4. In the Night
  5. Star Rider
  6. We are the Fire
  7. Anyway

Love Machine line up:

  • Rob della Frera – vocals
  • Frank T Rider – guitars
  • Yako Martini – bass
  • Andrew dal Zio – drums

_______________________________

KISSIN’ DYNAMITE
Dopo un rapido cambio palco in cui possiamo già sbirciare la scenografia variopinta della combo teutonica, lo show non si fa attendere e i giovanissimi Kissin’Dynamite arrivano sul palco puntuali da bravi tedeschi. Il pubblico è scalpitante e loro li fanno scatenare dalla primissima canzone sulle note di “I’ve got the Fire” che accende la miccia di questo live show. I primi pezzi in scaletta vengono sparati a raffica uno dopo l’altro, l’energia è palpabile e la band non ha nemmeno bisogno di incitare più di tanto i presenti a cantare e saltare con brani come “DNA” , “Sex is War” e la storica “Love me Hate me” che infuocano letteralmente palco e pubblico. L’istrionico frontman Hannes Braun sa come accattivarsi le attenzioni dei presenti e interagisce col pubblico con grande entusiasmo, annunciando le varie canzoni in scaletta. Non mancano momenti più raccolti come quello con la ballad “Heart of Stone”, che vede il cantante suonare il piano accompagnato dal chitarrista Ande – nonché suo fratello – con la chitarra acustica. Si rimane sempre in tema ballad ma in chiave più sensuale e blues con “Six Feet Under” ed è impossibile non ondeggiare e cantare mentre ci si lascia trasportare dal solo del secondo chitarrista Jim.Il ritmo poi torna più heavy con “I will be King” ,che vede Hannes e un povero roadie inscenare un siparietto divertente schiavo vs re. Sul finale il mood è sempre carichissimo seppur quasi intimo, e ci mostra i 5 ragazzi provenienti dalla Svevia tedesca per quello che sono: giovani musicisti grati ed entusiasti di fare del loro sogno un lavoro da ben 11 anni. “Still Around” e “You’re not Alone” esprimono a pieno questo mood e band e pubblico sono in completa sinergia. “Flying Colours” chiude con i suoi cori da stadio una performance genuina e pepata, e che ci lascia già con l’acquolina per i futuri live dei Kissin’ Dynamite che ancora una volta si sono dimostrati dei veri animali da palcoscenico.

Setlist:

  1. I’ve got the Fire
  2. Somebody’s gonna do it
  3. Love me Hate me
  4. DNA
  5. Sex is War
  6. Sleaze Deluxe
  7. Breaking the Silence
  8. Heart of Stone
  9. Waging War
  10. Six Feet Under
  11. I will be King
  12. Still Around
  13. You’re not Alone
  14. Flying Colours

Kissin’ Dynamite line up:

  • Hannes Braun – vocals & piano
  • Ande Braun – guitar
  • Andi Schnitzer – drums
  • Jim Muller – guitar
  • Steffen Haile – bass