INSOMNIUM – Melodica Capitale

INSOMNIUM + THE BLACK DAHLIA MURDER + STAM1NA
live @ Largo Venue, Roma
– domenica 1 Dicembre 2019 –

 

LIVE REPORT • (si ringrazia Marco Campoli per la gentile collaborazione)

Show che si prospetta interessante e infuocato quello di stasera a Largo Venue, all’insegna del puro melodic death! Direttamente dalla gelida Finlandia sbarcano nella capitale gli Insomnium, accompagnati da due valorose e roventi band: Stam1na, anche loro dalla Finlandia e The Black Dahila Murder dall’America!
Una serata organizzata da Bagana in collaborazione con ERocks Production e No Sun Music.

 

STAM1NA
La rampa di lancio è pronta per gli Stam1na! Il loro è un Thrash/Death molto piacevole e coinvolgente; nonostante sia la primissima volta che riesco a vederli in live, rimango colpito dal loro esemplare ed energico impatto sonoro! La loro performance è strabiliante, il loro sound fresco e aggressivo, uno show non indifferente che appanna le menti degli accorsi alla serata, sparandoli nel nucleo di questo concerto! Un plauso a questi mostri sonori!

Setlist:

  1. Paha arkkitehti
  2. Sudet tulevat
  3. Valtiaan uudet vaateet
  4. Masiina
  5. Viisi laukausta päähän
  6. Kannoin sinut läpi hiljaisen huoneen
  7. Solar
  8. Enkelinmurskain

STAM1NA line-up:

  • Antti Hyyrynen – Vocals / Guitar
  • Pekka Olkkonen – Guitars
  • Teppo Velin – Drums
  • Kai Pekka Kangasmaki – Bass
  • Emil Lahteenmaki – Kekboards
{{title}} {{title}}

foto: Edoardo De Michelis

____________________________________

THE BLACK DAHLIA MURDER
Si passa al death metal, quello violento, quello radicato, quello americano: signori e signore: The Black Dahlia Murder! Non nego affatto che alcune sonorità, alcuni tratti di questi ragazzi, mi hanno riportato alla mente un misto tra death oldschool come Carcass e Cannibal Corpse, miscelato al grindcore dei Napalm Death! Anche il loro show è di un encomiabile impatto, una bomba adrenalinica sparata sul pubblico che continua a volerne sempre di più! La band ha fatto storia e scalato le classifiche mondiale dell’estremo, non c’è dubbio che questa sera siano arrivati al primo posto sulla scala dell’epicità estrema!

Setlist:

  1. Widowmaker
  2. Jars
  3. Contagion
  4. Miasma
  5. Matriarch
  6. Warborn
  7. What a Horrible Night to Have a Curse
  8. Nightbringers
  9. As Good as Dead
  10. On Stirring Seas of Salted Blood
  11. Kings of the Nightworld
  12. Everything Went Black
  13. Deathmask Divine

THE BLACK DAHLIA MURDER line-up:

  • Brian Eschbach – Guitars
  • Trevor Strnad – Voclas
  • Max Lavelle – Bass
  • Alan Cassidy – Drums
  • Brandon Ellis – Lead Guitar
{{title}} {{title}}

foto: Edoardo De Michelis

____________________________________

INSOMNIUM
Assolutamente nulla da togliere a questi maestri del suono, ma arriva il momento più atteso della serata: finalmente sono gli Insomnium a calcare lo stage! Concertone spettacolare; personalmente non è molto tempo che conosco questi ragazzotti finlandesi, ma devo dire che hanno fegato e carattere! Il loro melodic death alla Dark Tranquillity e Sentenced spacca l’arena in due! Musicisti eccelsi che riescono ovviamente a rapire il pubblico facilmente, estasiato come non lo era stato fin’ora. Un rovente show che ha proposto pezzi datati per i fan più accaniti, e pezzi nettamente più new school che stanno esplodendo in un mondo che non vedeva l’ora di brillare con questo sound! Show accattivante, straripante di energia e con un carico adrenalinico meraviglioso! Spero in un loro ritorno, e lo spero il prima possibile!

Setlist:

  1. Intro
  2. Valediction
  3. Neverlast
  4. Into the Woods
  5. Through the Shadows
  6. Pale Morning Star
  7. Change of Heart
  8. And Bells They Toll
  9. Mute Is My Sorrow
  10. Ephemeral
  11. In the Groves of Death
  12. The Primeval Dark
  13. While We Sleep
  14. One for Sorrow (Acoustic Cover)
  15. Heart Like a Grave

INSOMNIUM line-up:

  • Nilo Sevanen – Vocals/Guitars
  • Ville Friman – Guitars
  • Markus Vanhala – Guitars
  • Markus Hirvonen – Drums
  • Jani Liimatainen – Guitars
{{title}} {{title}}

foto: Edoardo De Michelis