Fire Fest: buona la prima!

FIRE FEST I:
NEVERHUSH + ONELEGMAN + BLINDCAT +
THE GAMBLER + TIPSY ROAD
live @ Traffic, Roma
– sabato 14 maggio 2016 – 

 

LIVE REPORT •

Serata a cura dell’accoppiata Brothel Of Sound e Rock On all’insegna della musica hard rock/metal nostrano che vedrà esibirsi gruppi di stili variegati.

Tipsy Road
Apertura internazionale per la serata con i Tipsy Road che arrivano per questa data direttamente dalla Svizzera. Propongono un hard rock miscelato al progressive che incontra la voce delicata e decisa di Any. Spiccano “Lumination” (ultimo singolo) e “Bridge Of Life”, che rappresentano le due facce della band: quella dalle sonorità più atmosferiche e melodiche a quelle più dure e dinamiche. Tipsy Road: armonici e convincenti (nonostante gli inconvenienti tecnici).

Setlist:

  1. Hypnotized
  2. Lumination
  3. Call Of The Road
  4. Nacked
  5. Bridge Of Life
  6. When All Is Silent
  7. The Dreamer

TIPSY ROAD lineup:

  • Any – Vocals
  • Chris – Lead Guitar
  • Simon – Bass
  • Mauro – Keyboards
  • Elia – Drums

__________________________________________

The Gambler
Si cambia look e genere con i The Gambler tanto che sembra di stare in un saloon del far west. Il loro hard rock “acido”, duro e sporco infuoca il palco al loro passaggio. Sono dei cowboy fuorilegge che al motto di “sesso, alcohol e gambler’n’roll” suonano una setlist con pezzi tirati e grezzi fino all’osso. The Gambler: incendiari.

Setlist:

  1. Dance Of Jesus
  2. Ask Me
  3. Mockinbird Lane
  4. Outlaw
  5. Ready To Go
  6. Proud Girl

THE GAMBLER lineup:

  • Nasty – Vocals & Rythm Guitar
  • Die-Die – Lead Guitar
  • Silvia Skull – Bass
  • Dylan – Drums

__________________________________________

Blindcat
La serata scorre velocemente, arrivando alla terza band in scaletta: i tarantini Blindcat. L’ultimo singolo in ordine d’uscita è “I Will Avenge” facente parte del disco “Black Liquid”. Il genere che interpretano è un hard rock tendente all’alternative, dove predominano groove dai toni cupi. Colpiscono la presenza scenica del frontman, le corpose linee di basso e la composizione dei brani a varie sfaccettature. Si potrà ascoltarli il 16 Giugno in apertura al concerto di Russel Allen a Taranto. Blindcat: fragorosi e collaudati.

Setlist:

  1. Blindcat
  2. The New Farm
  3. The Black Widow (Alice Cooper cover)
  4. Faikland
  5. What Is The New
  6. Pride
  7. I Will Avenge
  8. Evil Mind
  9. Ordinary Day

BLINDCAT lineup:

  • Gianbattista Recchia – Vocals
  • Domenico “The Master” Gallo – Guitar
  • Pietro Laneve – Bass
  • Emanuele Rizzi – Drums

__________________________________________

OneLegMan
Gli emiliani OneLegMan danno il loro apporto con sonorità molto dure ed aggressive con un sound alternative rock/metal, senza lasciare un attimo di respiro. OneLegMan: tutti d’un pezzo.

Setlist:

  1. Freak
  2. Deconstruction
  3. ENN
  4. Black Lamb
  5. Onelegdance
  6. Bricks And Concrete
  7. Vortex
  8. Tomorrow Morning Impressions

ONELEGMAN lineup:

  • Cristian Ceccardi – Vocals
  • Riccardo Sassi – Guitars
  • Luca Bertani – Bass
  • Riccardo Pinotti – Drums

__________________________________________

Neverhush
E’ il momento dei Neverhush! La band romana è alle prese con al registrazione del secondo disco (che vedrà la partecipazione in un brano di Roberto Tiranti) e, a parte tre pezzi, lo eseguiranno quasi interamente. Propongono un hard rock cantato in italiano. Avviano lo show energicamente, al loro solito, con “Senza Regole”, dando la carica con “Libero E Ribelle”, calando i ritmi in “Vorrei che Fossi La Luna”. Ecco il nuovo singolo “Schiavo Del Tempo” che dedicano alla band Hydra, dove l’arpeggio alle chitarre è atmosferico per poi crescere e dove spicca un giro di basso portentoso. Si continua con del rock’n’roll tirato in “Mi Arrendo Al Tuo Sguardo” e “Energia” che è del disco d’esordio (il primo dei loro brani “d’epoca” in scaletta). Ritornano a spingere sull’acceleratore con “Il Circo Di Ghiaccio” che è quasi rappresentativo della temperatura che c’è in sala. “Perso” è il lento introspettivo che precede “Autostrada Per L’Inferno” (tradotto in inglese proprio “Highway To Hell”) anch’essi facenti parte del primo disco. La fine della serata la sancisce uno dei loro cavalli di battaglia, ovvero “La Fine Del Rock’n’Roll” per l’appunto. Il loro suono è stato ruggente e massiccio con un retrogusto melodico, dove si sono uniti il tocco raffinato alla chitarra di Stefano, la voce graffiante e calda di Guido insieme alle sue doti di frontman (si permette pure qualche assolo), il basso trascinante di Gabriele e la grinta alla batteria di Davide. Neverhush: mai domi.

Setlist:

  1. Senza Regole
  2. Libero E Ribelle
  3. Vorrei Che Fossi La Luna
  4. Schiavo Del Tempo
  5. Mi Arrendo Al Tuo Sguardo
  6. Energia
  7. Il Circo Di Ghiaccio
  8. Perso
  9. Autostrada Per L’Inferno
  10. La Fine Del Rock’n’Roll

NEVERHUSH lineup:

  • Guido Brunetti – Vocals & Rythm Guitar
  • Stefano Cascio – Lead Guitar
  • Gabriele Montemarà – Bass
  • Davide Colombi – Drums

Tutte le band hanno onorato pienamente l’evento che, forse, meritava un’organizzazione più accurata per dare maggiore visibilità e richiamare più pubblico.