DANKO JONES: la fierezza del rock’n’roll

DANKO JONES + PRIMA DONNA
live @ Legend Club, Milano
– giovedì 29 novembre 2018 –

 

LIVE REPORT •

È di imminente uscita il nuovo e nono album in studio dei Danko Jones. La prima di tre date italiane del loro European Fall Tour 2018, al Legend di Milano, segna un ritorno molto gradito per i fan, i quali non dovranno attendere troppo pazientemente per una nuova produzione della band canadese. I Danko Jones sono in continuo fermento, rilasciano un album ogni due anni, sono trascorsi solo 14 mesi dalla loro ultima apparizione su suolo italico e non ne mancheranno molti prima di una loro nuova visita. I Danko Jones sono un marchio di fabbrica nel rock’n’roll, dunque ogni loro mossa è attesa con fermento. In apertura, in questa serata targata Hub Music Factory, i Prima Donna, novità sia per noi, sia per gli stessi Danko Jones.

 

PRIMA DONNA
Si apre con una ventata di rock’n’roll incendiario il live show di questa sera al Legend Club. La prima parola che viene in mente alla vista dei Prima Donna è Rockabilly. Tra una delle prime forme di rock’n’roll degli anni ‘50, il glam dei Seventies e le influenze garage punk di Sex Pistols e Ramones, eccoci dinnanzi a una band priva di limiti. È immediatamente palpabile il carisma di ciascun componente dei Prima Donna, nati a inizio anni Duemila nella San Fernando Valley di Los Angeles. Con cinque album all’attivo, l’ultimo dei quali uscito lo scorso 30 marzo per la Steven Van Zandt’s Wicked Cool Records, e un decennio di tour in giro per il mondo, i Prima Donna scaldano i motori degli accorsi con una miscela esplosiva di rock’n’roll arricchita dalle tastiere e dalle suadenti vibrazioni del sassofono. Si apre con “4 Real”, estratto dal recente “S/T”, e una scarica di organo, ruvidezza e passione trasudata dalle corde vocali di Kevin Preston che riempiono la sala di quel sentimento comunemente noto come felicità. I Prima Donna incentrano il loro spettacolo sui migliori episodi della loro discografia: riff vorticosi, sporchi, e basso in primo piano, esplorano il possibile e lo rendono proprio. Credendo nel potere degli alti volumi: “Rock‘n’roll will always fuel revolution”, la band prosegue con “Soul Stripper”, esempio di brano anni ’50 con l’impronta di un sax che rende maggiormente caldi gli animi e fa rimpiangere di non trovarsi nella Los Angeles di allora. Band fisica, la performance dei Prima Donna è carica di energia sin dal tocco della prima nota e la voce di Kevin Preston è lo strumento aggiuntivo di un quartetto abrasivo nel tenere, o meglio dominare, il palcoscenico. Le canzoni dei Prima Donna sono fatte per essere suonate dal vivo e ballate (“Pretty Little Head”). Lo spirito dei quattro è racchiuso nell’elettricità che si agita dentro loro e con la quale investono pubblico e venue. Come i Prima Donna donano tutto di sé stessi, il pubblico rimanda loro la medesima euforia e tra l’incapacità di Kevin di stare fermo sul palco e i video che Aaron Minton fa nei suoi brevi istanti di pausa, ci rendiamo conto che non sono molti, oggi, i musicisti rock che fanno del rock’n’roll genuino e coinvolgente, nonostante i versi “Rock And Roll Is Dead / And We Don’t Care”. Scagli la prima pietra chi, dopo avere assistito a un concerto dei Prima Donna, non può che affermare: “Sono appena stato a un fottuto concerto rock’n’roll!”.

Setlist:

  1. 4 Real
  2. Soul Stripper
  3. Pretty Little Head
  4. Sound The Alarm
  5. Crucify
  6. Sociopath
  7. Eat Your Heart Out
  8. Rock And Roll Is Dead
  9. Deathless
  10. Year Of The Rat
  11. Crimson Lust
  12. Double Crosser
  13. I Don’t Want You To Love Me 

PRIMA DONNA line-up: 

  • Kevin Tyler Preston – Vocals, guitar
  • Aaron Minton – Keys, sax
  • “Lights Out” Levine – Bass
  • David S. Field – Drums

 

{{title}} {{title}}


foto: Ilaria Degl’Innocenti

 ________________________________________

DANKO JONES
I Danko Jones sono un trio, ma fanno più rumore di una qualsiasi altra rock band in circolazione. Presa posizione su di un palco ancora fumante per la precedente esibizione dei Prima Donna, Danko, John “JC” Calabrese e Rich Knox scaricano su di noi tutta la grinta che ribolle loro dentro e ci mettono a posto con “I Gotta Rock” da “Wild Cat”. I Danko Jones sono inarrestabili e attaccano un brano dopo l’altro senza pause o attimi di respiro. JC, animo italiano della band, incita costantemente il pubblico, invitandolo a cantare e a dare il meglio di sé. Non accetta compromessi. Dunque si susseguono la potente “Sugar Chocolate”, l’ode ai Thin Lizzy “You Are My Woman” e i nuovi singoli “We’re Crazy” e “Burn In Hell”. Teatrini divertenti e piacevoli dialoghi con il pubblico a parte, i Danko Jones propongono brani tiratissimi e soft per una setlist inneggiante alle capacità dei suoi componenti di portare in scena una formula rock senza esitazioni né paragoni. È dinamite gettata sui nostri corpi, come accade sulle note di “My Little RnR”, romantico brano dal carattere impetuoso e incalzante a cui nessuno, proprio nessuno, è immune. I Danko Jones vanno pari passo con il crescendo emozionale della folla; tra i riff rocciosi e travolgenti e l’aggressività dei vocals di Danko, la serata non può che definirsi dinamica ed energica. Come ha dichiarato JC nella sua ultima intervista al nostro magazine, da uno show dei Danko Jones non ci si può aspettare altro che adrenalina. Ed è proprio questo neurotrasmettitore a investire i musicisti prima e i fan poi. Basso e chitarra sono il prolungamento degli arti superiori di JC e Danko: in forma oltre ogni più rosea aspettativa e con una semplicità disarmante, la band tocca le corde della nostra anima, perché, si sa, da lì nasce ogni cosa. “She’s drugs, she’s drugs / Just one look and you get addicted”, canta Danko nella penultima e ruvida mina di questa notte. Adattate queste lyrics a ciò che preferite, noi le relegheremo sicuramente alla Musica.

Setlist: 

  1. I Gotta Rock
  2. Sugar Chocolate
  3. The Twisting Knife
  4. First Date
  5. You Are My Woman
  6. Sex Change Shake
  7. Lipstick City
  8. Mango Kid
  9. Code Of The Road
  10. Gonna Be A Fight Tonight
  11. Full Of Regret
  12. Invisible
  13. Had Enough
  14. Burn In Hell
  15. Lovercall
  16. We’re Crazy
  17. My Little RnR
  18. Dance
  19. She’s Drugs
  20. Rock Shit Hot

DANKO JONES line-up: 

  • Danko Jones – Vocals, guitar
  • John Calabrese – Bass
  • Rich Knox – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Ilaria Degl’Innocenti