CONFESS – L’autunno si tinge di Sleaze all’Harry B James

CONFESS
live@Harry B James, Stockholm
-sabato 27 Ottobre 2018 –

LIVE REPORT •

Harry B James a Stoccolma colmo di pubblico il 27 ottobre 2018, con i Confess. Si tratta di un evento che in molti attendevano, con tanto di special guest: Gabriel Keyes dei Crashdïet. Hanno presentato per la prima volta live, il nuovo singolo ‘’Malleus’’.  C’erano anche alcuni fan italiani, che sono giunti fino in Svezia per ascoltare quello che di nuovo ha da proporre la band. Era il week end prima di Samhain, ma già si respirava aria di festeggiamenti. I Confess non si sono smentiti, anzi, alla luce della performance tenuta, hanno dimostrato di avere la stoffa per diventare un vero punto di riferimento dello sleaze mondiale.

CONFESS
John Elliot entra sul palco e inizia intonando ”We Are The Rats” che fa parte di ”Haunters”, secondo full – lenght  pubblicato qualche tempo dopo il début album ”Jail”. Sono realmente tornati sulle scene massicci, taglienti e vibranti. Grazie all’assetto ritrovato con il nuovo bassista Pontus, il sound ha assunto una direzione più heavy e definita.
”Malleus”, sia come musica che come testo, è molto elaborata rispetto alle altre canzoni, in quanto tocca una parte importante della cultura wicca nordeuropea, tratta dal secondo dei tre trattati sulla stregoneria pubblicati in Germania per reprimere il paganesimo, il ”Malleus Maleficarum” (Martello delle Streghe, Strasburgo 1486 – 1487). Il sound, come il videoclip e gli scenari del l’Harry B James rimanda a ciò che le wicca dovettero subire nel corso del XV secolo: un insieme studiato e ben delineato in musica.
Il pubblico ha reagito con un forte applauso, entusiasti della performance dei Confess: questo brano aprirà un nuovo capitolo importante nella storia della band. Dopo ”Take Aim” e ”Lady Of Night” entra Gabriel, con il quale John Elliot intona la cover di Tevin Campbell inclusa nel secondo album, ”Eye 2 Eye”. Si è trasformato in un evento unico, arricchito dalla presenza del nuovo e molto promettente cantante dei Crashdïet che ha una voce duttile, potente e aggressiva, capace di affrontare senza esitazioni scale difficili.
Si sono dimostrati entrambi due elementi molto validi: erano in perfetta sintonia e hanno notevoli qualità tecniche, potrebbero potenzialmente essere definiti i ”nuovi principi dello sleaze”.
Le ritmiche e il carisma straordinario dei Confess sbalordiscono e scuotono, in quanto non solo sono ancorate alla vecchia scuola AOR, ma contengono svariate inclinazioni più moderne. E’ questa caratteristica che li contraddistingue da chi cerca da anni uno stile proprio ma non trova di fatto una venatura particolare e personale.
L’Harry B James, punto di riferimento e d’incontro per i musicisti, si è tinto di uno sleaze moderno e avanguardista. E’ un genere musicale dalle molteplici sfaccettature, come i mille colori dei paesaggi mozzafiato che si stagliano verso il cielo azzurro di Svezia, che i Confess hanno interpretato egregiamente filtrando le emozioni attraverso le sette note dello spartito. Chapeau.

Setlist:

  1. We Are The Rats
  2. Strange Kind Of Affection
  3. Stand Our Ground
  4. Malleus
  5. Take Aim
  6. Lady Of Night
  7. Eye 2 Eye (Tevin Campbell cover) – With Gabriel Keyes, Crashdïet singer
  8. Relationshit
  9. My Viciuos Way
  10. What’s Love Got To Do With It (Tina Turner cover)
  11. Scream

CONFESS line up:

  • John Elliot – Voice
  • Samuel Samael – Drums
  • Ludwig – Bass
  • Blomman – Guitar
  • Pontus – Guitar

{{title}} {{title}}


foto: Ilaria Degl’Innocenti