Bestie da battaglia in provincia di Alessandria

BATTLE BEAST + ALPHA TIGER + THE ORDER OF CHAOS + MARCO ANGELO
live @ Live 23, Bosco Marengo (AL)
– martedì 24 novembre 2015 – 

 

LIVE REPORT •
E’ un martedì sera, ci troviamo a Bosco Marengo, provincia di Alessandria, un piccolo locale in una zona industriale sta per ospitare quattro giovani realtà della musica rock/metal internazionale. Certo, l’affluenza prevista non è particolarmente abbondante, come spesso accade a questi eventi cosiddetti “minori”, ma gli artisti avranno di sicuro le loro carte da giocare, smaniosi di promuovere la loro musica a tutti ai metalheads italiani che sono qui al Live 23. Quindi… buon concerto a tutti e si dia inizio alla battaglia!

Marco Angelo
A questo ambizioso chitarrista nostrano dal look misterioso spetta il compito di aprire le danze per la data odierna. Qualcuno se lo ricorderà per le sue collaborazioni in sede live con artisti del calibro di Gus G. o Paul Gilbert o, per chi segue un po’ la scena italiana, per alcune date a supporto di band come gli Arthemis o i Necrodeath. Poco da dire sulla sua piacevole proposta, si tratta ovviamente di un rock strumentale, su basi pre-registrate, con una forte tendenza al virtuosismo che di sicuro farà le gioie degli eventuali chitarristi presenti nel locale. Peccato per i pochi presenti durante la sua esibizione, problema che comunque sussisterà fino all’esibizione degli headliner della serata.

Setlist:
Intro
Metal Master
Zero Guitar
Solo
Universale

MARCO ANGELO lineup:
Marco Angelo – Guitars
——————————————————————-

The Order Of Chaos
Un’esibizione, a parere di chi scrive, davvero sorprendente da parte di questa sconosciuta band canadese. Forti dell’uscita del loro terzo full lenght “Apocalypse Moon”, il loro entusiasmo sul palco, nonostante i pochi presenti, è davvero ammirevole e i suoni rendono davvero giustizia al loro potenziale. La loro proposta prevede un ben riuscito mash up di heavy, thrash, power e in certi frangenti persino melodic-death e il risultato in sede live è davvero in grado di intrattenere e esaltare, grazie anche all’ottimo guitar work dei due chitarristi John Fallon e John Saturley. Una menzione d’onore anche alla vocalist Amanda “The Wench” Kiernan, che qualcuno conoscerà per aver sostituito ormai quasi tre anni fa Stu Block (attuale singer degli Iced Earth) nella prog melodic-death metal band Into Eternity; nonostante l’aspetto gracile questa fanciulla è una vera forza della natura sia come voce sia come presenza scenica, da notare anche la sua discesa in mezzo al pubblico durante l’esecuzione di un brano. Bravi davvero.

Setlist:
Death After Life
Survival Of The Richest
Chaos In Cairo
Indoctrination
Sexwitch
Victim Of Circumstance
The Devil You Know
Apocalypse Moon
Darklord

THE ORDER OF CHAOS lineup:
John Simon Fallon – Lead Guitars
Tim Prevost – Drums
Amanda “The Wench” Kiernan – Vocals
John Saturley – Rhythm Guitars
Barrett Klesko – Bass
——————————————————————-

Alpha Tiger
Per chi non li conoscesse: gli Alpha Tiger, giunti anch’essi al terzo full lenght “Identity”, sono una giovane band teutonica collocabile all’interno del movimento noto come New Wave Of Traditional Heavy Metal, poiché propongono un heavy metal di chiara ispirazione 80’s dalle forti tinte power; si notano infatti i richiami a band come Crimson Glory, Riot, Helloween o i primi Queensrÿche. Qualcuno potrà ricordarli per esser stati citati dal buon Hansi Kursch (Blind Guardian) in un’intervista di un paio di anni fa, dove ne elogiava il secondo full lenght, etichettandoli come una band molto promettente e da approfondire. Beh, dall’esibizione appena conclusa non si può che dargli ragione. Nonostante siano meno noti rispetto a loro colleghi come Enforcer o Skull Fist, questi ragazzi sanno davvero il fatto loro: il guitar work è pulitissimo (notare la tamarrissima Dean Razorback tigrata del chitarrista Peter Langforth), i pezzi sono coinvolgenti, la voce del piccolo, e di recente ingresso, vocalist Benjamin Jaino è di ottimo impatto ed anche la loro simpatia non è indifferente nonostante, anche in questo caso, i non molti presenti. Non si può che augurare tutto il bene a questi giovani metalheads carichi di passione e amore per la nostra musica preferita, sperando possano ottenere un po’ di visibilità in più da questo tour di supporto agli attesi e ormai imminenti Battle Beast!

Setlist:
Lady Liberty
Scripted Reality
Karma
Long Way Of Redemption
Man Or Machine
Along The Rising Sun
We Won’T Take It
Black Star Pariah

ALPHA TIGER lineup:
Dirk Frei – Bass
David Schleif – Drums
Peter Langforth – Guitars
Alexander Backasch – Guitars
Benjamin Jaino – Vocals
——————————————————————-

Battle Beast
Il locale, per quanto non straripante, si è fortunatamente un po’ riempito e i presenti fremono per l’esibizione dei sei finlandesi che, con la loro particolare miscela di power, heavy, AOR e persino disco music anni ’80 ed arrivati al terzo full lenght (tutti al terzo oggi) “Unholy Savior” stanno finalmente intraprendendo il loro primo headliner tour, dopo aver suonato in passato con band come Sonata Arctica, Nightwish e Sabaton e dopo un’estate ricca di date nei grandi festivals. Nonostante siano rimasti recentemente orfani del loro chitarrista e fondatore Anton Kabenan (ora impegnato in un nuovo progetto e coinvolto in alcune date live come chitarrista temporaneo degli ungheresi Wisdom), chi li ha visti recentemente durante l’estate può garantire che il buon Joona Bjorkroth (fratello e compagno del tastierista Janne nella band Brymir) non è assolutamente da meno come presenza e come tecnica chitarristica. Di fatti la band è davvero in forma smagliante, e all’udirsi del riff iniziale della recente “Far Far Away” i presenti letteralmente esplodono in un headbanging sfrenato seguito poi da ovazioni all’ingresso della nota vocalist Noora Louhimo che, come suggerisce il nome della band, si dimostra ancora una volta una vera bestia da battaglia e da palco. La setlist pesca da tutti e tre i loro lavori, soddisfacendo praticamente chiunque e facendo cantare, scapocciare, pogare e persino ballare (sulla recente “Touch in The Night”) tutti i presenti. Non mancano momenti di simpatia e goliardia tra gare di bevute di birra (da Eurospin) sul palco ed “esibizioni” di musica da discoteca da parte del tastierista. La famosa “Enter The Metal World” e la coinvolgente “Out Of Control” chiudono la scaletta, facendo letteralmente “perdere il controllo” ai presenti e lasciandoci tutti con una sola considerazione da fare: i Battle Beast spaccano!! Punto!
Potranno non piacere ad alcuni o non essere nemmeno considerati da altri, ma c’è poco da dire… se le band del futuro saranno come loro, c’è poco da lamentarsi. Grazie ragazzi e alla prossima!

Setlist:
Intro / Far Far Away
I Want The World… And Everything In It
Out On The Streets
Let It Roar
Into The Heart Of Danger
Neuromancer
Black Ninja
Madness
Sea Of Dreams
Unholy Savior
Iron Hand
Touch In The Night
Show Me How To Die
Enter The Metal World
Out Of Control

BATTLE BEAST lineup:
Noora Louhimo – Vocals
Pyry Vikki – Drums
Juuso Soinio  – Guitars
Eero Sipilä – Bass
Janne Björkroth – Keyboards
Joona Bjorkroth – Guitars

report: Roby War
foto: Valentina Gatti
si ringrazia per la cortese collaborazione Federica Borroni