Assi del rock’n’roll al Blue Rose Saloon

CHASE THE ACE + THE LETHAL IDOLS
live @ Blue Rose Saloon, Bresso (Mi)
– giovedì 18 febbraio 2016 – 

 

LIVE REPORT •  

Hard Rock e Glam si uniscono oggi al Blue Rose Saloon per una serata decisamente energica, infatti al locale di Bresso arrivano i Chase The Ace, band che abbiamo già potuto ammirare di spalla agli Hardcore Superstar, e che proprio da qui iniziano il loro tour da headliner. In apertura ci sono i milanesi The Lethal Idols.

The Lethal Idols
Tocca ai nostrani Lethal Idols aprire le danze, in un Blue Rose che purtroppo conta meno di una ventina di persone. Nati nel 2015, i Lethal Idols suonano un Glam Rock ispirato ai più grandi artisti del genere, look compreso. Sono al lavoro sul loro primo EP, tutto autoprodotto, e stasera ci presentano i loro inediti, partendo subito forte con “Take A Bite”, e “Out Of You”, nelle quali si capisce subito che questi ragazzi hanno stoffa da vendere.
I suoni sono impeccabili e la voce di Hixy Wild rieccheggia potente senza calare mai fino alla fine dell’esibizione. I riff e gli assoli ben costruiti di Martin alla chitarra, uniti alla tecnica di Tia al basso, creano un connubio perfetto. Dietro le pelli Mark picchia veramente forte!
Dopo la cover dei Motley Crue ,”All In The Name Of …”, si passa alla più tranquilla “Pain ‘n Roses”
Nonostante lo scarso pubblico, i nostri ragazzi danno il 100%, scatenandosi come pazzi. L’energia prodotta si estende a macchia d’olio, strappando meritati applausi da parte di tutti, e con “Ready To Rock” si conclude un’esibizione assolutamente perfetta, e noi gli auguriamo di riuscire a fare strada, portando in alto i nostri colori nel mondo del Glam. Ed ora, sotto con i Chase The Ace.

Setlist:

  1. Take A Bite (inedita)
  2. Out For You (inedita)
  3. All In The Name Of (Mötley Crüe cover)
  4. Pain n’ Roses (inedita)
  5. Lethal Idols (inedita)
  6. Love Me When I’m Dead (inedita)
  7. Keep Your Secrets (inedita)
  8. Ready To Rock (inedita)

THE LETHAL IDOLS lineup:

  • Hixy Wild – Lead Vocals
  • Martin Angel – Lead Guitar
  • Tia Drake – Bass
  • Mark Mapey – Drums
.

 foto: Federica Borroni – click qui per la photogallery completa

_____________________________________________

Chase The Ace
Dopo un veloce cambio palco, ecco presentarsi i 4 ragazzi inglesi, pronti a mettere a ferro e fuoco il Blue Rose con il loro potente hard rock. Come già detto gli abbiamo visto di spalla agli Hardcore Superstar in quel di Trezzo lo scorso anno, e stasera tornano da headliner a supporto del loro ultimo album “Hell Yeah!”.
Non c’è un minuto da perdere e subito vengono sparate una dietro l’altra “Still Got It” e “Stalker”, facendo subito capire ai (purtroppo) pochi presenti che sarà una serata difficile da dimenticare.
La potenza del gruppo si fa subito sentire, con un Vito alla voce e chitarra che corre avanti e indietro sul palco come una scheggia impazzita, e dimostrando doti vocali eccezionali.
Gli altri componenti non sono da meno ovviamente: Yam è come se avesso una mitraglietta al posto della batteria, Dan alla chitarra solista è assolutamente perfetto, e Yair pesta forte sulle corde del suo basso.
Dopo i saluti, e la stupenda “Bad Seed”, arriva la prima delle tre cover suonate stasera: “Fortunate Son” dei Creedence Clearwater Revival.
Il pubblico è già molto caldo e lo dimostra ogni secondo che passa. E’ il momento di fare un passo indietro di tre anni: infatti vengono eseguite “Made Out Of Ice”, “Rise Your Glass” e “Dead Man Rocking” tratte dall’album “Are You Ready?” del 2013.
Stanchezza non è una parola che si trova nel vocabolario dei Chase The Ace: si divertono e fanno divertire, sempre carichi al massimo, mai un attimo di pausa e sempre col sorriso sulle labbra.
Ad un certo punto Vito decide di scendere dal palco e di salire su un ripiano del locale, continuando a suonare la sua chitarra, aumentando l’entusiasmo dei fan che si piazzano subito sotto di lui.
Si sta giungendo alla fine, ed è il momento di “You Really Got Me”, seconda cover dell’esibizione, originariamente composta dal gruppo The Kinks e coverizzata dai Van Halen alla fine degli anni ’70.
Subito dopo arriva la titletrack “Hell Yeah!”, prima del trio finale “The Cat On The Loose”, “California”, e la cover della famosa “Gimme Shelter” dei Rolling Stones, durante le quali Vito invita due ragazze a scatenarsi con lui sul palco.
Il concerto sarebbe finito qui, ma il gruppo ha talmente entusiasmato e divertito che il pubblico comincia a gridare senza sosta “We want more!”. Dopo un consulto veloce, la band decide di accogliere la richiesta e suona una canzone non in scaletta, “Burned Me Down”, tratta dal loro primo album.
Adesso è veramente finita, e dopo i ringraziamenti e i meritati applausi, i Chase The Ace ci salutano e devo dire che sono stati una bellissima scoperta, e meritavano sicuramente di esibirsi con più gente di quella presente stasera, ma come si suol dire, meglio pochi ma buoni. Speriamo di rivederli il più presto possibile.

Setlist:

  1. I Got It
  2. Stalker
  3. Bad Seed
  4. Fortunate Son (Creedence Clearwater Revival cover)
  5. Made Out Of Ice
  6. Fire
  7. Raise Your Glass
  8. Dead Man Rocking
  9. Rock Bottom Rock ‘n Roll
  10. Dear Demon
  11. Change My Ways
  12. You Really Got Me (The Kinks cover)
  13. Hell Yeah!
  14. The Cat Is On The Loose
  15. California
  16. Gimme Shelter (The Rolling Stones cover)
  17. Burned Me Down

CHASE THE ACE lineup:

  • Roi Vito Peleg – Vocals, Rhythm Guitar
  • Yam Artzy – Drums
  • Dan Parsons – Lead Guitar
  • Yair Gadon – Bass
.

foto: Federica Borroni – click qui per la photogallery completa

_____________________________________________