AS I LAY DYING – Un ritorno divampante

AS I LAY DYING + ERRA + BLEED FROM WITHIN
live @ Locomotiv Club, Bologna
– giovedì 6 dicembre 2018 –

 

LIVE REPORT •

Una serata all’insegna del MetalCore quella del 6 dicembre organizzata da Erocks Production ed Hellfire Booking Agency. Il tanto atteso ritorno degli As I Lay Dying, mostri sacri della scena MetalCore americana, fa tappa al Locomotiv Club di Bologna come unica data italiana. Con loro gli scozzesi Bleed From Within e gli Erra, band Progressive MetalCore statunitense.

BLEED FROM WITHIN
A dare il via alle danze ci sono i Bleed From Within che, ascoltando i pareri tra il pubblico, sembrano avere molto seguito anche in terra italica. La band si rivela un’ottima opener, capace di caricare a dovere i fan presente con un’energia che solo il Core sa dare. Nonostante la setlist abbastanza breve, sei brani in totale, la band scozzese riesce a tirare su uno spettacolo straordinario, confermatoci dalla reazione del pubblico in delirio. I Bleed From Within si rivelano una band assolutamente valida nel panorama MetalCore e che sicuramente farà parlare di sé in futuro.

Setlist:

  1. Crown Of Misery
  2. Uprising
  3. Afterlife
  4. Cast Down
  5. Ruina
  6. Alive

BLEED FROM WITHIN line-up:

  • Scott Kennedy – Vocals
  • Steven Jones – Guitars, Vocals
  • Craig “Goonzi” Gowans – Guitars
  • Davie Provan – Bass
  • Ali Richardson – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Nina Ramirez Arts

__________________________________

ERRA
La seconda band a salire sul palco del Locomotiv Club di Bologna sono gli Erra. La band statunitense sta guadagnando parecchi seguaci tra i fan del genere da tutto il mondo, soprattutto con gli ultimi due album “Drift” e “Neon”. Ciò che li caratterizza maggiormente sono i passaggi dispari e destrutturati tipici del Progressive Metal uniti a frasi melodiche molto suggestive. Lo screamer JT Cavey si dimostra un frontman assolutamente capace, interagendo molto con i fan presenti e rendendo lo show molto più entusiastico. Anche tecnicamente nulla da dire per quello che si rivela uno degli scream più caratteristici nel panorama attuale. “Valhalla” è il primo brano in setlist e si scaglia sul pubblico come un uragano. Il sound veloce e dirompente crea un buon affiatamento del pubblico nei confronti della band americana e questo dà il via ad uno show sensazionale. L’alternanza dello scream di JT Cavey alla voce acuta e cristallina di Jesse Cash è qualcosa di sublime, il tutto accostato a chitarre sonore e virtuose. Gli Erra spaziano molto, alternando brani più datati ed altri più recenti. Il loro show termina con “Skyline”, un ottimo modo per porgere i saluti al pubblico italiano che sicuramente sarà rimasto a bocca aperta per la loro performance.

Setlist:

  1. Valhalla
  2. Irreversible
  3. Breach
  4. Drift
  5. Disarray
  6. Monolith
  7. Alpha Seed
  8. Skyline

ERRA line-up:

  • JT Cavey – Vocals
  • Jesse Cash – Guitars, Vocals
  • Sean Price – Guitars
  • Conor Hesse – Bass
  • Alex Ballew – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Nina Ramirez Arts

__________________________________

AS I LAY DYING
Ed ecco finalmente il momento tanto atteso, dopo tanti anni ecco il ritorno degli As I Lay Dying. La band viene accolta calorosissimamente dal pubblico in un clima di gioia. Lo show inizia con “Washed Away” e i nostri si dimostrano davvero in forma, caricando a dovere i fan presenti. Molto importante è la presenza scenica dei due cantanti, Tim Lambesis e Josh Gilbert. I due, infatti, creano un contrasto assai curioso poiché sembrano essere uno l’opposto dell’altro: Tim è, come ben sappiamo, la colonna portante della band, con il potente scream che risuona dal suo possente corpo; Josh invece si occupa della voce clean e si mostra molto più agile sul palco interagendo spesso e volentieri con il pubblico. Due potenze assolutamente straordinarie.
Le chitarre graffianti di Nick Hipa e Phil Sgrosso risuonano vigorose e aggressive, donando alla band quel sound Death Metal seppur alternato a frasi melodiche e assoli virtuosi, accompagnate dalla solenne batteria dello storico Jordan Mancino.
La band ci delizia con ben sedici brani in setlist per circa un’ora e mezza di concerto, alternando a brani meno conosciuti grandi classici come “The Sound Of Truth” e “94 Hours”. Davvero bello il gesto del frontman Tim Lambesis che invita sul palco JT Cavey degli Erra e Scott Kennedy dei Bleed From Within per performare insieme la prestigiosa “Forever” regalando al pubblico uno show indiscutibilmente unico. Una performance da brividi quella degli As I Lay Dying, un ritorno di fuoco per una band davvero amata.

Setlist:

  1. Washed Away
  2. Meaning In Tragedy
  3. An Ocean Between Us
  4. Through Struggle
  5. Within Destruction
  6. Forsaken
  7. The Sound Of Truth
  8. Condemned
  9. Anodyne Sea
  10. The Darkest Nights
  11. A Greater Foundation
  12. My Own Grave
  13. Forever
  14. Separation
  15. Nothing Left
  16. 94 Hours

AS I LAY DYING line-up:

  • Tim Lambesis – Vocals
  • Jordan Mancino – Drums
  • Josh Gilbert – Bass, Vocals
  • Nick Hipa – Guitars
  • Phil Sgrosso – Guitars
{{title}} {{title}}

foto: Nina Ramirez Arts