ACHILLE’S LEGACY – il Trionfo dell’Acciaio a Modena

ACHILLE’S LEGACY (Rhino & Sons Of Odin) + BULLET RIDE
live @ Lowlanders Modena Clubhouse, Modena
– venerdì 26 aprile 2019 –

 

LIVE REPORT •

È andata in scena al Lowlanders Modena Clubhouse lo scorso 26 aprile 2019 la prima data dell’Achille’s Legacy Tour, progetto che vede protagonisti l’ex batterista dei Manowar, Rhino, insieme ai Sons of Odin, tribute band dei Manowar, proveniente da Sassuolo. In questa nuova tranche italiana, suddivisa in cinque date sparse lungo tutto il territorio nazionale, il musicista americano presenterà integralmente al pubblico tricolare “The Triumph Of Steel“, celebre album della sua band natia, seguito da alcune altre storiche canzoni dei Metal Kings per eccellenza, senza disdegnare un’altra succulenta sorpresa: il musicista, infatti, vestirà i panni di vocalist e si cimenterà per l’occasione anche in alcuni pezzi degli Angels Of Babylon.

Bullet Ride
Ad aprire questa serata modenese, troviamo i Bullet Ride, band relativamente giovane, che in questa sede presenta alcune cover di Avenged Sevenfold, Metallica e molti altri gruppi blasonati alternati ad alcuni pezzi tratti dal suo primo EP, “The Choice”, rilasciato sul mercato giusto lo scorso anno. In questo contesto live, i pezzi eseguiti, sostenuti da sonorità che spaziano dall’hard all’heavy metal, risultano suonati ottimamente, il quintetto (anch’esso di Sassuolo) non manca di carica ed energia con qualche parentesi divertente che coinvolgono il pubblico presente in sala, sempre partecipe ed attento alla performance dei nostri. Una bella scoperta che, certamente, ha suscitato un buon interesse da parte anche di chi, come il sottoscritto, non aveva alcuna familiarità con la proposta offerta dai nostri e che, certamente, da oggi riserverà un maggior entusiasmo nei confronti di una band che, a modo suo, ha saputo regalare una prestazione lodevole.

Setlis:

  1. The Choice
  2. Afterlife (Avenged Sevenfold cover)
  3. Highway To Hell (AC/DC cover)
  4. The King Is Back
  5. Burn (Deep Purple cover)
  6. Film Soundtracks Medley
  7. Kings Of The Road
  8. Enter Sandman (Metallica cover)

BULLET RIDE lineup:

  • Pago – Vocals
  • Ricky – Guitars
  • Rinna – Guitars
  • Tommy – Bass
  • Giaco – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Massimo Plessi

________________________________

Achille’s Legacy
Conclusasi la performance dei modenesi, arriva il momento caldo della serata con l’ingresso di Rhino. L’ex celebre batterista dei Manowar, all’anagrafe Kenny Earl Edwards, fa il proprio ingresso accompagnato dai Sons Of Odin e da subito l’atmosfera si surriscalda ulteriormente, in attesa di godere di un’esibizione che, certamente, risulterà a fine serata molto più che memorabile. Per i fan italiani questa sarà una vera occasione d’oro, in quanto la band modenese presenterà integralmente dal vivo “The Triumph of Steel”, disco storico prodotto proprio dallo stesso musicista statunitense. Sin dalle prime battute, è evidente come la presenza scenica di un personaggio di spessore sia molto forte, una vera propria macchina da guerra che in questa nuova vetrina funziona alla grande, grazie anche all’accompagnamento dei restanti membri della band, la cui padronanza tecnica è veramente notevole e la cui resa live è eccellente tanto quanto l’esecuzione in studio. Terminata la parentesi dedicata allo storico album, ecco arrivare una gustosa e gradita sorpresa che farà la felicità di tutti i fan presenti in sala: lo stesso Rhino prende in mano il microfono e presente all’audience modenese una selezione di pezzi degli Angels Of Babylon, band nella quale è anche cantante. Nonostante la stanchezza, lievemente accusata nel corso del live, Rhino ha confermato di essere anche un ottimo vocalist: i pezzi qui eseguiti dal vivo hanno, effettivamente, fatto presa su un pubblico curioso ed attento e il cui supporto non è mai mancato un solo istante. Un piccolo momento di pausa ed ecco che il palco modenese si infiamma maggiormente quando i Sons Of Odin tornano a calcare il palco e sfoggiano in sequela qualche altro pezzo dei Kings, immediatamente accolto positivamente. Nel complesso, anche questa volta si è assistito ad un live show bello ed energico, che ci ha permesso di vedere all’opera un batterista eccelso, che in questa nuova prova dal vivo ha dimostrato nuovamente le proprie doti tecniche ed un innato talento artistico veramente degno del suo nome.

Setlist:

  1. Achilles Agony and Ecstasy (Manowar cover)
  2. Metal Warriors (Manowar cover)
  3. Ride The Dragon (Manowar cover)
  4. Spirit Horse (Manowar cover)
  5. Burning (Manowar cover)
  6. Power Of Thy Sword (Manowar cover)
  7. Demon’s Whip (Manowar cover)
  8. Master Of The Wind (acoustic Manowar cover)
  9. Apocalypse 2012 (Angel Of Babylon song)
  10. Night Magic (Angel Of Babylon song)
  11. Sondrio (Angel Of Babylon song)
  12. Tear Out My Heart (Angel Of Babylon song)
  13. Oh How The Mighty Have Fallen (Angel Of Babylon song)
  14. Kingdom Of Evil (Angel Of Babylon song)
  15. Drums solo
  16. Warriors Of The World (Manowar cover)
  17. Hail And Kill (Manowar cover)
  18. Battle Hymns (Manowar cover)

ACHILLE’S LEGACY lineup:

  • Abba – Vocals
  • Moret – Guitars
  • Sappa – Bass
  • Riskio – Drums
  • Rhino – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Massimo Plessi