NOTHING MORE – solo la musica ci rende felici

NOTHING MORE: INTERVISTA ESCLUSIVA A JONNY HAWKINS •

Metalforce ha avuto l’occasione di incontrare i Nothing More in occasione della loro data italiana in apertura ai Bullet For My Valentine. Scoprite cosa ci ha rivelato la band texana leggendo questa interessante intervista al loro cantante Jonny Hawkins.

Ciao Jonny, che mi dici di questo tour? Come sta andando?
JONNY: Che dire, è il più grande tour europeo per noi e sta andando molto bene. Vorrei solo non ci fosse questo tempo grigio e piovoso, anche se oggi pare ci sia un po’ di sole!

Che mi dici riguardo a progetti futuri con la band?
JONNY: Attualmente stiamo finendo di registrare il video per “Let ‘em Burn” e subito dopo ci dedicheremo al video per “Fade In / Fade Out”. Saremo comunque in tour fino ad aprile, credo, quindi per un bel po’ di mesi. Intanto stiamo raccogliendo idee per un futuro nuovo album, assolutamente.

A proposito, cose dovrebbero aspettarsi i vostri fan da questo futuro album?
JONNY: Non ne ho idea, sinceramente. Per ora sono solo idee, non abbiamo nulla di concreto e on mettiamo piede in una sala prove da molto tempo. Siamo troppo impegnati con il tour.

Capito. Cambiamo argomento, i vostri testi sono molto forti e importanti, qual è la vostra ispirazione?
JONNY: La vita. Semplicemente sono un insieme delle nostre esperienze. Ci piace pensare e riflettere su ciò che ci accade, cercando di non nascondere la verità. A volte si tende a prendere la vita in modo piatto e superficiale, non capendo ciò che davvero ci succede. Ci piace molto anche studiare le idee e i pensieri di vari filosofi!

Che ne pensi delle altre band che vi accompagnano in questo tour?
JONNY: Per quanto riguarda gli Of Mice & Men, siamo già stati in tour insieme per un po’ di tempo negli Stati Uniti, credo. Sono davvero grandiosi. Gli Shvpes sono fantastici, li abbiamo visti crescere e credo siano una band davvero capace. I Bullet For My Valentine sono leggende, ma non posso dire altro perché personalmente devo ancora conoscerli bene.

Quando e come hai capito che la musica sarebbe stata la tua vita?
JONNY: Ci sono stati vari momenti in cui l’ho pensato, ma ad un certo punto l’idea si è fatta più concreta. Credo avessi circa vent’anni quando ho capito che se non mi fossi concentrato sulla musica non sarei stato davvero felice, quindi perché fare altri lavori? Da allora ho cercato un modo per ottenere una carriera da artista ed eccomi qui.

Come vivete il tour? Immagino sia molto bello ma anche molto difficile.
JONNY: Be’ è strano! È una vita totalmente diversa. Ci sono momenti belli ma anche momenti che ti mettono alla prova. Vedi tanti nuovi posti, conosci molte persone, ma è difficile trovare del buon cibo o un bagno decente!

Immagino! Invece qual è stato il momento migliore per la band finora?
JONNY: Credo ricevere tre nomination per i Grammy, assolutamente.

Qual è la tua canzone preferita da cantare live sul palco?
JONNY: Bella domanda. Dipende dai momenti. Attualmente è “Don’t Stop”, ma una delle mie preferite resta “Fade In / Fade Out”.

Come scegliete la scaletta per un live show?
JONNY: Anche questo dipende da una serie di fattori. Innanzitutto teniamo conto di quanto sarà lungo il nostro set, con quali band suoniamo, qual è il single attuale… La priorità è sempre suonare le hit, le canzoni più amate dai nostri fan, per esempio “Jenny” e “This Is The Time”.

Ultima domanda, qual è la vostra ispirazione come band? Per lo stile e la musica ad esempio.
JONNY: Ovviamente ognuno di noi ascolta tanta musica e tanti tipi di musica, tanti generi diversi. Sicuramente alcune band che amiamo tutti e che ci hanno influenzato molto sono i Nickelback e i Tool, ma anche i Muse e gli Smashing Pumpkins!

Perfetto. Io ti ringrazio per l’intervista, se vuoi puoi lasciare un messaggio per i vostri fan e lettori di MetalForce.
JONNY: Certo. Ciao ragazzi! Spero vi divertiate stasera. I Nothing More torneranno in Italia anche la prossima primavera e spero davvero di rincontrarvi tutti. Adoriamo l’Italia, il suo cibo e la sua gente. A presto!