BEAST IN BLACK – Voci dall’Ade

BEAST IN BLACK: INTERVISTA AD ANTON KABANEN • (english version below)

In occasione dell’uscita del nuovo album dei Beast In Black “From Hell With Love”, nel prossimo mese di Febbraio, il loro mastermind Anton Kabanen ha fatto un’interessante chicchierata con noi sul passato, presente e futuro della propria carriera musicale. 

Buonasera Anton, sono Katerina, bentornato su Metalforce. Innanzitutto, vorrei congratularmi con te per l’incredibile successo di Beast In Black con l’album di debutto,”Berserker”.
ANTON – Grazie!

Siete stati impegnati tutto l’anno essendo in tour per lungo tempo, ma siete anche riusciti a trovare del tempo per registrare il nuovo album “From Hell With Love”, che sarà pubblicato nel prossimo Febbraio dalla Nuclear Blast. Come siete riusciti a comporre, registrare l’album ed essere in tour allo stesso tempo?
ANTON – Era una sfida, per essere onesto, però abbiamo suonato ai festivals nei fine settimana durante l’anno, quindi tra i fine settimana è stato solo lavoro sul nuovo album, non stop, così è stato fatto. Per fortuna, le canzoni erano più o meno scritte, perché scrivo musica costantemente, era piuttosto una procedura di selezione delle canzoni. Ho raccolto 15-20 canzoni, da queste abbiamo scelto le undici definitive per il secondo album. Di seguito, sono stati scritti i testi, scrivo sempre i testi per ultimi, un mio amico mi ha aiutato, Paolo Ribaldini, abbiamo scritto insieme alcuni testi per i brani. Era una provocazione. Per fortuna abbiamo terminato prima dell’inizio del tour. L’album è stato completato fine Ottobre e il tour è iniziato all’inizio di Novembre. Era un programma molto stretto.

Abbiamo già un campione del nuovo lavoro col video per il brano “Sweet True Lies”. Sembra che il nuovo materiale segue i passi di “Berserker”. Ci hai detto che scrivi sempre prima le melodie e dopo adatti i testi. C’è stata qualche volta che ti sei ispirato a comporre una melodia dopo aver scritto il testo?
ANTON – Può capitare anche questo, alcune volte una frase ti viene in mente e dopo inizi a lavorare su una melodia basato su quella frase. Ma la maggior parte delle volte, quasi 90%, viene prima la musica e dopo i testi.

Sappiamo tutti che ti sei ispirato sui manga giapponesi per le tue canzoni. Hai mai pensato di creare un comics o una serie animata e magari adattare la tua musica ad essa?
ANTON- Questo sarebbe un grande impegno, ci vorrebbero tanti anni, costerebbe tanti soldi e richiederebbe una grande squadra. Non è possibile nel prossimo futuro.

Abbiamo già parlato della sfida di comporre, registrare il nuovo disco ed essere in tour allo stesso tempo. Ci sono state altre difficoltà nella preparazione del disco?
ANTON- Principalmente era la mancanza di tempo, una scadenza è il peggior nemico e la migliore musa allo stesso momento. I testi e il mixaggio richiedono più tempo, io odio fare in fretta, voglio lavorare in pace,ma questa volta è stato difficile, non abbiamo avuto tanto tempo, ma ce l’abbiamo fatta. Per fortuna il mio amico Paolo Ribaldini è familiare con il Berserk e mi ha aiutato con i testi di alcune canzoni, quindi la procedura è diventata più veloce. Abbiamo scritto insieme i testi di metà delle canzoni e l’altra metà li ho scritti da solo. Era una nuova e divertente esperienza, scrivere insieme ad un’altra persona. E il risultato mi è piaciuto.

Hai creato queste magnifiche canzoni, tutte portate al massimo livello dalla fantastica voce di Yiannis Papadopoulos!
ANTON – Certamente!

Hai creato brani velocissimi, come “Crying Out For A Hero”, “Repentless”, “Heart Of Steel”, brani epici come “This Is War”, “Unlimited Sin”, ma anche mid tempo smasher come “Sweet True Lies” ed il title track. Perché hai scelto “Killed By Death” dei Motorhead come bonus track?
ANTON – In realtà, è stata un’idea del nostro bassista, entrambi i bonus track “No Easy Way Out” e “Killed By Death”. Ne abbiamo discusso circa due anni fa e questa volta abbiamo deciso di fare queste due covers, le avevamo scelte in passato. Credo che sia una buona cosa avere delle covers come bonus tracks, sono brani ad edizione limitata, non li ascolteranno tutti, forse un numero limitato di ascoltatori. Non esiste una ragione particolare, un segreto dietro questa scelta,ci sono piaciute queste canzoni.

Roman Ismailov ha creato la copertina del disco, come a quello precedente. Il titolo dell’album ha qualche significato particolare? Quale è stata la ragione di scelta del titolo “From Hell With Love”?
ANTON- Abbiamo guardare le canzoni, ci stavo pensando e tutte le volte stavo arrivando al titolo di questa canzone. Era il titolo del brano,ma anche la canzone stessa. Ho voluto fidarmi della mia intuizione, l’ho imparato dal passato. Quando hai un presentimento per qualcosa, decidi così, devi fidarti del tuo presentimento.

Avete annunciato il vostro headlining tour per la promozione di “From Hell With Love”che inizia il prossimo Febbraio. Molte persone, me compresa, hanno partecipato al vostro show italiano con i Nightwish, solo per vedere voi suonare dal vivo. Come mai una data italiana non è inclusa in questo nuovo tour?
ANTON – Ci sarà di sicuro nel futuro. È il nostro primo tour da headliners, di sicuro continueremo con più date Europee ai paesi che non visitiamo durante questa prima parte del tour. È solo questione di tempo.

Quale è il segreto del successo dei Beast In Black? Sono i testi, l’energia delle melodie, la forza delle canzoni, che rimangono facilmente in memoria dal primo ascolto? Qualcos’altro?
ANTON – Credo che tutto conta per il successo di una band. Prima di tutto è la musica. Se la musica è buona, ne vale la pena lottare. Ci sono canzoni e artisti orribili in giro, pieni di successo. Non riesco a capirlo, perché la loro musica è brutta. Per noi, se la musica è buona, questo è solo l’inizio. Vogliamo occuparci di ogni aspetto, la nostra performance, il nostro aspetto, il comportamento con il pubblico, il nostro lavoro con la casa discografica, le agenzie, i nostri video, le foto, le nostre pagine sui social, i media, i nostri meet and greet. Vogliamo fare del nostro meglio, se ci accorgiamo che non siamo stati abbastanza bravi, la prossima volta cerchiamo di migliorare dove abbiamo sbagliato. Quindi c’è la fame di fare sempre il meglio possibile, cosa molto importante, al contrario di altre band che forse non sanno che direzione vogliono prendere. Noi sappiamo che siamo un gruppo heavy metal e suoniamo classico heavy metal con tastiera di anni 80 e 90. Questi siamo e andiamo verso questa direzione. Per ora il pubblico sembra contento, questo ci sta dando coraggio per andare avanti, migliorare sempre. Tutti i concerti sono importanti, anzi tutto il periodo del tour. Ogni show ha qualcosa da offrire, altro di più, altro di meno. Mi piacciono tutti e quando qualcuno ci dice che si è divertito al nostro concerto, questo ci riempie di sentimenti positivi, sappiamo che abbiamo fatto qualcosa di buono.

Quando scrivi nuova musica, esiste una persona di fiducia, un amico, un membro di famiglia, che ti dà un giudizio finale sul nuovo materiale, prima di consegnarlo alla casa discografica per la pubblicazione?
ANTON – Io scrivo le canzoni, quando sono più possibilmente pronte, le faccio ascoltare dai membri del gruppo. Quando fai parte di una band, sono i membri che ti devono dare la loro opinione per primi. La ragione per cui sto cercando di scrivere canzoni più possibilmente complete è che se lascio qualcosa incompleta mi da fastidio, non mi piace lasciare cose in sospeso. Quando si tratta di una canzone che farà parte di un album, scrivo ogni nota dall’inizio. Durante il periodo di produzione e registrazione, qualcosa si cambia sempre, ma voglio avere il brano più possibilmente pronto dalla prima scrittura.

Come descriveresti il tuo stato d’animo, quando hai iniziato il tuo nuovo progetto, i Beast In Black, nella nuova era della tua carriera musicale?
ANTON- Quando il viaggio con i Battle Beast si è concluso, avevo ancora la voglia di fare musica. Mi sentivo il desiderio di fare molte cose nel campo del Heavy Metal. Ho iniziato a costruire questa nuova band. Non puoi avere due milioni di progetti e seguirli tutti 100%. Devi scegliere uno solo,essere sicuro che può diventare qualcosa. Il tempo è limitato, la vita è breve, non puoi servire due padroni allo stesso tempo. Il mio padrone è Beast In Black e do tutto me stesso per esso. Per fortuna ,ho costruito questa perfetta squadra e ho trovato i membri in breve tempo, solo il batterista è cambiato nel 2017. Aveva i propri motivi personali, siamo ancora in buon contatto, è venuto al nostro show in Elsinki un po’ di notti fa, siamo stati bene. La chimica nella band è ottima.

Quali sono stati i più belli momenti con la tua nuova band finora?
ANTON- Sono tantissimi, l’intero periodo del tour era fantastico, la prima volta in Giappone è stata molto importante per noi. Mi è piaciuto tutto il tour, la cultura Giapponese, siccome scrivo canzoni per i manga giapponesi, la gente è venuta ai concerti, mi hanno portato dei regali sul manga Berserk, era un gesto molto gentile. Li sono molto grato, la nostra musica li è piaciuta tanto, la loro cultura è così diversa. È stata un’esperienza molto forte per noi, ci è rimasta nella mente. Vorremmo ritornare li.

Ti piacciono le band di classico heavy metal, come i Judas Priest. Con quale band vorresti andare in tour in futuro?
ANTON- Judas Priest o Iron Maiden, sarebbe fantastico andare in tour con loro, almeno per lo stile musicale. Non li conosco di persona, ho incontrato Scott Travis una volta in Germania sei anni fa. Non ho conosciuto nessun altro. Piacciono alla gente perché fanno melodico, classico Heavy Metal, sarebbe molto bello. Vedremo.

Se potresti sponsorizzare te stesso e la tua band dando una ragione alla gente di ascoltare le tue canzoni, i vostri due album, venire ai vostri concerti, quale sarebbe?
ANTON- Quando vuoi avere grandi emozioni dalla musica, quando vuoi stare bene, essere felice dopo aver visto il concerto di una band, avere dei ricordi che non dimenticherai mai, quando vuoi ascoltare qualcosa che ti tira su il morale, quando lo desideri, quando ne hai bisogno. Quando ascolti la musica è perché vuoi avere una certa emozione da una certa canzone.

Ti ringrazio tanto per il tuo tempo,Anton,è stato molto bello e interessante parlare con te. Ho già ascoltato il tuo nuovo album,è fantastico. Buona fortuna con la tua nuova musica e il nuovo tour. A presto e buona serata.
ANTON – Ti ringrazio tanto. Auguri Buon Natale e Felice Anno Nuovo. La salute è la cosa più importante. Buona serata anche a te.


(english version) •

Good evening, Anton, I am Katerina, welcome back to Metalforce. First of all, I would like to congratulate you for the amazing success of Beast In Black with your debut album, ”Berserker”.
ANTON –Thank you!

You have been busy all year with touring for a long time, but you have also found the time to record your new album “From Hell With Love”, which will be published next February by Nuclear Blast. How were you able to compose, record the album and be on tour at the same time?
ANTON- Well, it was actually pretty challenging to be honest, but we have played gigs in the festivals all weekends this year, but between weekends it was just work on the album, non stop, so, that’s how it was done. Lyckilly the songs were more or less already written, because I constantly write music, so it was more of a selection process of the songs. I collected 15-20 songs, from them we chose the final eleven songs for the second album. Then the lyrics were written, I always write lyrics for last, I also got help from a friend of mine, Paolo Ribaldini. We cowrote some lyrics for the tracks. It was a challenge. Luckily we made it before tour started. The album was finished late October and the tour started early November, it was a very tight schedule.

We already have a sample of your new work with the video for the song “Sweet True Lies”. It seems the new material follows the steps of “Berserker”. You told us you always write the melodies first and then adapt the lyrics. So, have you ever been inspired to compose a melody after writing the lyrics?
ANTON- It can happen sometimes, when a sentence comes in mind and then you start working on a melody based on that phrase. But most of the times, like 90 %, it’s music first and lyrics after.

We all know you’ve been inspired on Japanese manga for you songs. Have you ever thought of creative a comic or an animated series yourself and maybe adapt your music to them?
ANTON- That’s too much work, it would take too many years, it would cost a lot, require a huge team. It’s not possible in the near future.

We have already talked about the challenge of composing, recording the new album while being on tour. Were there any other difficulties in preparing this album?
ANTON- Basically, it was the lack of time, a deadline is the worst enemy and the best muse at the same time. Lyrics and mixing take time and I hate to rush, I like to work in peace, but this time it was difficult, we didn’t have enough time, but we made it. Luckily my friend Paolo Ribaldini is familiar with Berserk, so he helped me with the lyrics of a few songs, so process became faster. We have cowritten the lyrics of half of the songs and the ones of the other half were written only by me. It was very fun, this new approach, to cowrite with someone. In the end the result was good, I liked it.

You have created these new great songs, all of them brought at maximum level by the amazing voice of Yiannis Papadopoulos.
ANTON- Of course!

You have created some fast tracks, like “Crying Out For A Hero”, ”Repentless”, ”Heart Of Steel”, some epic ones, like “This Is War”, “Unlimited Sin”, but also some mid tempo smashers, like “Sweet True Lies” and the title track. Why did you choose “Killed By Death” by Motorhead as a bonus track?
ANTON – Actually, it was our bass player’s idea, both of the bonus tracks, “No Easy Way Out” and “Killed By Death”. We talked about it maybe two years ago, so this time we have decided to go with these songs, we have already chosen them in the past. I think it’s good to have cover songs as bonus tracks, there are limited edition tracks, so maybe most of the people won’t listen to them, a limited amount of listeners. There is no particular reason, no secret behind this choice, we just liked those songs.

Roman Ismailov has creates your album cover like the previous one. What about the title of the album? Is there any particular significance or reason for choosing the title “From Hell With Love”?
ANTON- We looked at the songs, I was thinking about it and every time I was ending at this song title. It was the title of the song, but also the song itself. I wanted to trust my intuition, that’s what I’ve learned from the past. When you have this feeling about something, you end up with the same decision, you have to trust your feeling.

You have announced your headlining promotional tour for “From Hell With Love”, starting next February. Many people, including myself, have attended your Italian show with Nightwish just to see you perform live, so why isn’t there any show in Italy included in this tour?
ANTON- I am sure there is going to be an Italian date, it’s our first headlining tour, for sure we will continue with more European tour dates, in all countries that are not visiting in this first leg of the tour, it’s only a matter of time.

Which is the secret of the success of Beast In Black? Is it the lyrics, the Energy of your music, the powerful melodies, the songs that easily remain in the brain of the listener from the very beginning? Is it something else?
ANTON- I think it’s everything when it comes to a band’s success. It all starts from the music. If the music is good, then it’s worth fighting for. There’s a lot of horrible songs and artists out there, which are very successful. I don’t understand it, because their music is shit. We think that if music is good, well that’s the start. We want to take care of every aspect, we work hard on our performance, on our presence, on how we act with audience, with the label, booking agencies, how we do our videos, our promo pictures, how we manage our social pages, how we run our social media, how we do our meet and greet with the fans. We want to do our best, if we feel like we didn’t do everything good enough, next time we try to improve. So, there is the hunger to be as good as you can be, it’s very important. On the contrary of many bands, maybe because they don’t really know what direction they want to take. For us it’s pretty clear, we are a heavy metal band, we play traditional heavy metal, with some 80s and 90s keyboard. This is who we are, we get on this direction. So far, people seem to like it, it encourages us to carry on, become better and better, year after year. All the gigs are important, it’s not only just one show, it’s the whole touring period. I enjoy every show, some shows are better, some ones a bit less, but all shows have something to give, people enjoy them, I am happy to hear after the show that someone had a good time, it’s a good feeling, we know we did something good.

When you write new music, is there a person of trust, a friend, a family member, that gives a final judgment to your new material, before you give it to the record label for publication?
ANTON – I usually write songs, when they are as ready as possible, I play them to the band members. When you are in a band, the members are the first ones that give their feed, that’s how it goes. The reason why I tend to write as complete songs as possible is because when something is incomplete, it bothers me, I don’t like leaving things undone. When it’s a song that will be part of a new album, I write every note, until it’s perfect. During the production and the recording period, some things will change, but I want it to be as ready as possible from its first writing.

How would you describe your state of mind, when you’ve started your new project, Beast In Black, in the new era of your musical career?
ANTON – When the journey with Battle Beast has ended, I felt like I still wanted to make music, that’s for sure. I still felt there was much I wanted to do in heavy metal music, then I started building this new band. You can’t have two million projects and make all of them 100%. You have to choose one, be sure that it might become something. Time is limited, life is very short, you can’t serve two masters at the same time. My master is Beast In Black and I give my all for that. Luckily, I made this perfect team and I’ve found these members quite fast, only the drummer has changed in 2017. He had his personal reasons, we are still in good contact, he came a few nights ago at our Heksinki show, we had a good time. The chemistry in the band is great overall.

Do you have any particular moments that you remember with your new band?
ANTON – There are too many, the whole touring period was great, our first time in Japan, that was a very big moment for us. I really loved that tour, the whole Japanese culture, since I write songs about Japanese manga, people came to our shows and they brought me gifts about Berserk manga, it was such a kind gesture. I was so thankful for that, they all liked our music, the culture was so different. It remained in our minds, very strong experience, we would like to go there again.

You love Classic Heavy Metal bands, like Judas Priest. So which band would you like to tour with in the future?
ANTON – Judas Priest or Iron Maiden would be great bands to tour with for their style at least. I don’t know them in person, I only met Scott Travis six years ago in Germany, I haven’t met anyone else. People still like them because they still play melodic traditional heavy metal, it would be nice. We will see.

If you could sponsor yourself, your band and you would like to give a reason to the audience to listen to your songs, to your two albums, come to your shows, which one would it be?
ANTON – If you want to have great feelings from music, if you want to feel good, be happy after being at a show of a band, make memories that you won’t forget, when you want to listen to something that lifts up your mood, whenever you feel like it, you need it. When you listen to music, it’s because you want to have a certain feeling from a certain song.

Thank you very much for your time, Anton. It was very nice and interesting talking to you. Your new album is awesome. Good luck with your new album, the new tour and I will see you soon. I wish you a very nice evening.
ANTON – Thank you very much. I wish you Merry Christmas, Happy New Year, being healthy is the most important thing. Have a nice evening.